Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La madre di Hevrin Khalaf, l’attivista curda uccisa dai jihadisti in Siria: “Gli americani sono i veri responsabili della morte di mia figlia”

Immagine di copertina

"Il fatto che noi siamo soli, siamo abbandonati, dice tanto sul mondo. Sul mondo che parla tanto di diritti umani, ma non difende i nostri, e ha lasciato che una giovane donna venisse assassinata in questo modo"

La madre di Hevrin Khalaf: gli americani sono i veri responsabili della morte di mia figlia

La madre di Hevrin Khalaf, l’attivista curda uccisa in un attentato del gruppo jihadista Ahrar al-Sharqiya, alleato della Turchia e responsabile di altre esecuzioni sommarie a Qamishli, a pochi giorni dall’inizio dell’offensiva nel nord della Siria, ha commentato la morte di sua figlia in un’intervista di Lorenzo Cremonesi apparsa sul Corriere della Sera giovedi 24 ottobre.

“Mia figlia voleva il bene nel mondo, ha sempre lavorato per gli altri, per l’uguaglianza”, dice la madre nella casa di Derek, città del Rojava dove viveva insieme a Hevrin e dove la politica curda, segretaria del “Partito del futuro” della Siria, conservava le foto dei suoi amici caduti combattendo, le immagini di quando era una studentessa e i diplomi di laurea.

Secondo la madre di Hevrin Khalaf la responsabilità della morte di sua figlia non è stata solo di Erdogan, ma anche e soprattutto degli americani.

“È stata assassinata sia dalle forze filo-turche, da Erdogan che ci ha invaso, dalla violenza, ma anche dagli americani, che sono doppiamente responsabili per aver abbandonato i curdi, per averci lasciato soli dopo tutto quello che i curdi avevano fatto per l’occidente, contro l’Isis, contro il terrorismo, contro i jihadisti”, afferma la donna ripresa nel salotto della sua casa di Derek.

“Se gli americani fossero stati qua, mia figlia non sarebbe stata uccisa, Erdogan non avrebbe potuto fare quello che fatto. E c’è anche un’altra cosa, il fatto che noi siamo soli, siamo abbandonati, dice tanto sul mondo. Sul mondo che parla tanto di diritti umani, ma non difende i nostri, non difende mia figlia, e ha lasciato che una giovane donna venisse assassinata in questo modo”, afferma addolorata la madre.

Nella casa, tra scaffali pieni di oggetti e ricordi di Hevrin Khalaf, si vede il letto dell’attivista curda circondato e sommerso di fiori.

L’attivista Hevrin Khalaf prima del brutale assassinio: “La Turchia non teme l’Isis ma ha paura dei curdi”
Tutte le ultime notizie sulla guerra in Siria
Ti potrebbe interessare
Esteri / Amsterdam, persona muore risucchiata dalla turbina di un aereo in partenza
Esteri / Attacchi ucraini in Russia con armi occidentali, anche Biden pronto a dire sì. Lavrov: “Reagiremo”
Esteri / Xi Jinping: “Conferenza di pace ad ampia base sul Medio Oriente”. Gallant: “Informazioni concrete su ostaggi detenuti a Rafah”. Tajani: “Sì a Stato palestinese, ma con garanzie per Israele”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Amsterdam, persona muore risucchiata dalla turbina di un aereo in partenza
Esteri / Attacchi ucraini in Russia con armi occidentali, anche Biden pronto a dire sì. Lavrov: “Reagiremo”
Esteri / Xi Jinping: “Conferenza di pace ad ampia base sul Medio Oriente”. Gallant: “Informazioni concrete su ostaggi detenuti a Rafah”. Tajani: “Sì a Stato palestinese, ma con garanzie per Israele”
Esteri / “Avrei bombardato Mosca e Pechino”: l’imprevedibilità di Trump e la guerra
Esteri / La Corea del Nord invia palloncini carichi di feci e spazzatura in Corea del Sud. Seul: “Fermatevi”
Esteri / Macron e Scholz: “L’Ucraina deve poter colpire la Russia”. Putin: “Si rischia una guerra globale”
Esteri / Il maltempo danneggia il molo costruito da Usa, sospesi gli aiuti umanitari a Gaza, Riad accusa Israele: “Continui massacri genocidari”. carri armati israeliani proseguono attacchi a Gaza
Esteri / Il Papa si scusa per il termine “frociaggine”: “Non volevo offendere nessuno, la Chiesa è di tutti”
Esteri / Gaza, al-Jazeera: oltre 20 morti in un nuovo raid di Israele a Rafah. Idf smentiscono. Carri armati israeliani raggiungono il centro città. Tel Aviv schiera un'altra brigata. Oms: 723 operatori sanitari uccisi dal 7 ottobre. Quasi 36.100 vittime in totale. Mar Rosso: attaccato un mercantile al largo dello Yemen. Spagna, Irlanda e Norvegia riconoscono lo Stato di Palestina. Slovenia deciderà il 30 maggio. No della Danimarca
Esteri / “Nei seminari c’è già troppa frociaggine”: la frase omofoba attribuita a Papa Francesco