Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 17:52
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La miglior insegnante al mondo è un’ex rifugiata ed è palestinese

Immagine di copertina

A darne l'annuncio in un video messaggio è stato Papa Francesco. Il premio consiste in una somma in denaro di un milione di dollari

Hanan Al Hroub ha 43 anni, è palestinese ed è nata e cresciuta in un campo profughi di Betlemme, nei Territori Palestinesi. Ora è stata nominata miglior insegnante dell’anno, in occasione dell’annuale Global Teacher 2016 in programma a Dubai il 13 marzo e organizzata dalla fondazione benefica britannica Varkey. 

Alla prima classificata spetta un premio in denaro del valore di 1 milione di dollari che verranno corrisposti a rate per i prossimi dieci anni. L’unica condizione è che la donna continui a insegnare per cinque anni. 

L’annuncio della vittoria di Hanan Al Hroub è stato diffuso da Papa Francesco in un video messaggio. Il pontefice ha sottolineato nel suo discorso come gli insegnanti siano “costruttori di pace e unità” (qui sotto il filmato).

Hanan Al Hroub ha trascorso gran parte della sua vita nel campo per sfollati di Deisha, in Cisgiordania, sorto nel corso della guerra arabo-israeliana del 1948. 

È stata proprio la sua esperienza vissuta all’interno del campo a spingerla a specializzarsi nel fornire un supporto ai bambini traumatizzati dalle violenze quotidiane. Da rifugiata a insegnante dei bambini rifugiati il passo è stato breve. 

Fu soprattutto un episodio a spingerla a intraprendere questa strada. Un giorno i suoi figli tornarono a casa traumatizzati perché avevano assistito a una sparatoria rientrando da scuola. Questo fatto turbò profondamente la donna, tanto da spingerla a impegnarsi nel far sì che i bambini potessero crescere con una visione del mondo, per quanto possibile, differente da ciò che erano abituati a vedere quotidianamente. 

Iniziò così il suo percorso educativo, aiutando tutti quei bambini in difficoltà che affollavano ogni giorno le aule delle scuole palestinesi. 

Abbracciò pian piano la filosofia della non violenza e mise a punto un approccio sempre più specialistico, spiegato in maniera dettagliata nelle pagine del suo manuale “We play and learn”. 

Alla base del suo insegnamento non c’è solo la didattica, ma valori come la fiducia, il rispetto per il prossimo, l’onestà e l’affetto, necessari per affrontare i continui momenti di tensione. 

Un metodo efficace che ha incentivato i suoi studenti a lavorare insieme, grazie alla costante attenzione per le esigenze individuali che hanno poi influito sul comportamento in generale dei suoi studenti. 

Infatti, il suo approccio formativo ha fatto registrare un calo degli atteggiamenti violenti nelle scuole, dove erano abbastanza frequenti, e ha ispirato molti suoi colleghi a rivisitare e modificare il loro metodo di insegnamento, nonché le loro strategie di gestione delle classi. 

(Qui sotto Hanan Al Hroub vincitrice del Global Teacher Prize 2016)

Nel discorso di ringraziamento, la donna ha precisato che “gli insegnanti sono quelle persone capaci di poter cambiare il mondo”. 

“Sono orgogliosa di essere un’insegnante di sesso femminile, palestinese, e di essere arrivata a questo punto”, ha detto Hanan dopo aver ricevuto il premio.

Il denaro, come lei stessa ha sottolineato, sarà impiegato per sostenere i suoi studenti. Al Hroub insegna nella scuola superiore Samiha Khalil in al-Bireh, nei pressi di Ramallah.

Anche il principe William ha voluto congratularsi con la donna, lodando “le incredibili responsabilità dei docenti, capaci di influenzare, ispirare o plasmare la vita di una persona giovane verso il meglio”. 

All’evento benefico promosso dalla fondazione Varkey – l’ente caritatevole della società Gems international education, che ha lo scopo di elevare lo status della professione di insegnante – hanno partecipato anche alcune star di Hollywood come Salma Hayek e Matthew McConaughey, personaggi politici tra cui l’ex primo ministro britannico Tony Blair, e il vice presidente degli Emirati Arabi Uniti Sheikh Mohammed bin Rashid Al Maktoum.

I dieci finalisti sono stati invitati sul palco da un video messaggio del fisico Stephen Hawking, mentre Sunny Varkey presidente della Fondazione Varkey fautore del premio, si è augurato che la storia di Hanan Al Hroub possa essere di ispirazione per tutti coloro che aspirano alla professione di insegnante, in ogni parte del mondo. 

(Qui sotto la nomina di Hanan Al Hroub come miglior professore dell’anno)

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Se l’Europa vuole tenere testa a Usa, Russia e Cina deve dotarsi del Nucleare”: il realismo preventivo di Massimo Fini
Esteri / Mascherina all’aperto, quali sono i Paesi in Europa che hanno già tolto l’obbligo
Esteri / Vaccino unico per Covid e influenza: il via già in autunno
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Se l’Europa vuole tenere testa a Usa, Russia e Cina deve dotarsi del Nucleare”: il realismo preventivo di Massimo Fini
Esteri / Mascherina all’aperto, quali sono i Paesi in Europa che hanno già tolto l’obbligo
Esteri / Vaccino unico per Covid e influenza: il via già in autunno
Esteri / Usa, la sfida dei vescovi cattolici: approvato documento per vietare la comunione a Biden
Esteri / Iran, vince al primo turno l'ultraconservatore Ebrahim Raisi
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto
Esteri / L’Iran elegge il nuovo presidente: conservatori pronti a tornare al potere
Esteri / Usa, il concerto di Bruce Springsteen è vietato a chi si è vaccinato con AstraZeneca
Esteri / Juneteenth, il giorno per ricordare la fine della schiavitù dei neri, diventa festa federale negli Usa