Covid ultime 24h
casi +23.232
deceduti +853
tamponi +188.659
terapie intensive +6

È morta la wrestler giapponese Hana Kimura: ipotesi suicidio a causa di cyberbullismo

Di Donato De Sena
Pubblicato il 25 Mag. 2020 alle 07:45 Aggiornato il 27 Mag. 2020 alle 11:18
38
Immagine di copertina
Hana Kimura

A 22 anni morta la wrestler giapponese Hana Kimura

All’età di 22 anni è morta la wrestler professionista giapponese Hana Kimura, diventata famosa dopo aver partecipato all’ultima serie di un reality show di Netflix, Terrace House. A confermare ieri la notizia del decesso è stata la sua agenzia, Stardom Wrestling, chiedendo ai fan di rispettare la memoria dell’atleta, anche perché le circostanze della sua scomparsa non sono apparse chiare. Sul suo profilo Instagram Kimura aveva pubblicato un post che lasciava presagire la sua imminente fine e che molti fan hanno interpretato come una prova a favore dell’ipotesi si suicidio.

Ipotesi suicidio a causa di cyberbullismo

Sulle sue pagine social la wrestler aveva pubblicato post in cui denunciava di essere stata vittima di cyberbullismo. Nell’ultima storia Instagram, pubblicata venerdì, una foto mostrava di Kimura con il suo gatto accompagnata da un messaggio inquietante: “Addio”. L’ipotesi del suicidio è stata poi sollevata perché venerdì Kimura aveva pubblicato su Twitter immagini di autolesionismo insieme a frasi di disperazione. “Volevo essere amata. Non voglio più essere un essere umano”, aveva scritto tra l’altro. La tragedia insomma sarebbe stata causata dagli insulti degli hater che perseguitavano la wrestler da diversi mesi.

Nonostante la sua personalità esuberante mostrata sul ring, Kimura era timida e riservata. La notizia è stata commentata anche dalla campionessa mondiale di Impact Tessa Blanchard, che ha dichiarato: “Mi spezza il cuore il modo in cui le persone crudeli possono esprimersi sui social media”. In un tweet l’ex premier giapponese Yukio Hatoyama ha commentato la notizia sostenendo che il Giappone dovrebbe prendere in considerazione le sanzioni per i responsabili di gravi molestie sul web.

38
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.