Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Venezuela: Guaidò rivela di aver avuto “contatti clandestini con i militari”

Immagine di copertina

Il leader dell'opposizione però non ha rivelato con chi si è messo in contatto e non ha chiarito se è riuscito ad avere effettivamente il supporto dei militari

Continuano le proteste in Venezuela nel giorno in cui i ministri degli Esteri dell’Unione europea si riuniscono in Romania per presentare una posizione unitaria sulla situazione nel paese latinoamericano.

L’Ue chiederà al presidente Maduro di lasciare il potere e indire nuove e libere elezioni e anche l’Italia ha adottato la linea europea dopo diversi tentennamenti, anche se con alcune riserve.

Il successore di Chavez però non sembra intenzionato a lasciare il potere, potendo ancora fare affidamento sul sostegno delle forze armate anche se l’ultima intervista rilasciata da Juan Guaidò al New York Times sembra mettere in dubbio la lealtà dei militari nei confronti dell’attuale presidente.

Il leader dell’opposizione, che il 23 gennaio ha assunto la carica di presidente ad interim del paese scatenando una crisi politica interna, ha rivelato di aver incontrato segretamente i militari per avere il loro supporto contro Maduro.

“Il ritiro del sostegno militare a Maduro è fondamentale per consentire un cambiamento nel governo, e la maggioranza dei militari concorda sul fatto che i recenti problemi del paese siano insostenibili”.

Guaidò tuttavia non ha specificato con chi si è incontrato né se i capi dell’esercito hanno acconsentito ad aiutarlo voltando le spalle al presidente in carica.

“La maggioranza delle forze militari in servizio concorda sul fatto che le recenti emergenze del paese siano insostenibili. Maduro non ha più il sostegno della gente”, ha affermato Guaidò nell’intervista al giornale americano. “La settimana scorsa a Caracas, i cittadini dei quartieri più poveri, che in passato erano state roccaforti chaviste, scesi in piazza in proteste senza precedenti”.

Il leader dell’opposizione è consapevole che “per riuscire a gestire l’uscita di Maduro con il minimo di spargimento di sangue, tutto il Venezuela deve unirsi per cancellare definitivamente il suo regime. Per questo, abbiamo bisogno del sostegno di governi, istituzioni e personalità in tutto il mondo”.

Intanto il presidente statunitense Trump ha ribadito il suo sostegno a Guaidò, scrivendo su Twitter che “La lotta per la libertà è cominciata”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari