Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:51
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

L’Irlanda non riesce a formare un governo

Immagine di copertina

Il voto del 26 febbraio 2016 ha bocciato i principali partiti, nessuno ha la maggioranza per nominare il premier

Il Parlamento irlandese, frammentato dai risultati delle elezioni del 26 febbraio 2016, non riesce a nominare il nuovo primo ministro per formare un governo. L’ex premier Enda Kenny, aveva l’appoggio del suo partito di centro sinistra, il Fine Gael e dei laburisti, ma ieri non è riuscito a ottenere la fiducia del parlamento, con soli 57 voti a favore e 94 contrari.

È fallito anche il tentativo di essere nominato primo ministro del leader dell’altro maggior partito irlandese, Micheal Martine del Fianna Fail (centrodestra) e di Gerry Adams, il presidente del partito di estrema sinistra nazionalista Sinn Fein.

Si apre così la strada a settimane di trattative e consultazioni tra le diverse formazioni politiche per risolvere l’impasse e dare un nuovo governo al paese. L’Irlanda è solo l’ultima di altre nazioni europee uscita dalle urne con un risultato incerto, come Spagna e Slovacchia, con gli elettori che bocciano i partiti di governo e le politiche di austerità.

Lo scenario più probabile è quello di una grande coalizione tra Fine Gael e Fianna Fail, anche se la prospettiva lascia problemi aperti: con i suoi 23 seggi Sinn Fein resterebbe l’unico grande partito all’opposizione e potrebbe sottrarre consensi a sinistra a Fine Gael. L’altra opzione è un governo di minoranza di Fine Gael con l’appoggio condizionato di Fianna Fail.

Di sicuro è un momento storico per il sistema politico irlandese. Una grande coalizione tra i due partiti nati dalle opposte fazioni alleate durante la guerra di indipendenza segnerebbe la fine di una rivalità durata quasi un secolo avvicinandolo a una dinamica simile a quella tedesca.

Politicamente, le differenze tra i due partiti potrebbero apparire minime: entrambi sono convinti europeisti, a favore del mercato e del capitalismo e sostengono, con toni più o meno accesi, l’unificazione dell’Irlanda. Ma la distanza ideologica affonda soprattutto su motivi di natura sociale e di appartenenza regionale, che rendono difficile un accordo.

L’incertezza politica non sembra tuttavia avere ricadute sull’economia, che vive una straordinaria fase di sviluppo, con un tasso di crescita tra i più alti al mondo: nell’ultimo trimestre del 2015 il Pil è cresciuto del 9,2 per cento, con un più 7,8 per cento su base annua.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Razzi di Hamas verso Gerusalemme, Israele bombarda Gaza: diversi morti
Esteri / Autismo, Elon Musk rivela: “Ho la sindrome di Asperger”
Esteri / “Ho paura ma tornerò a studiare”: il coraggio di Arifa, la studentessa di 17 anni sopravvissuta alla strage di Kabul
Ti potrebbe interessare
Esteri / Razzi di Hamas verso Gerusalemme, Israele bombarda Gaza: diversi morti
Esteri / Autismo, Elon Musk rivela: “Ho la sindrome di Asperger”
Esteri / “Ho paura ma tornerò a studiare”: il coraggio di Arifa, la studentessa di 17 anni sopravvissuta alla strage di Kabul
Esteri / Spagna: folla in strada festeggia la prima notte senza stato di emergenza e coprifuoco | VIDEO
Esteri / Un pavone interrompe Draghi in conferenza stampa: il simpatico siparietto del premier | VIDEO
Esteri / Afghanistan, due esplosioni davanti a una scuola di Kabul: almeno 50 morti e 100 feriti
Esteri / Sadiq Khan è stato rieletto sindaco di Londra
Esteri / Brexit, provano a entrare nel Regno Unito: 30 cittadini italiani ed europei fermati e detenuti
Esteri / Hong Kong, viaggio nella città simbolo del nuovo mondo globale
Esteri / New York vuole offrire il vaccino Johnson&Johnson a tutti i turisti