Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:35
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Pixel Buds, le nuove cuffie di Google in grado di tradurre all’istante 40 lingue diverse

Immagine di copertina

Le Pixel Buds sono le nuove cuffie wireless di Google grazie alle quali sarà possibile abbattere le barriere linguistiche utilizzando l'app di Google Translate

Google ha presentato i Google Pixel Buds, gli auricolari wireless potenzialmente in grado di abbattere per sempre il muro delle differenze linguistiche.

Le cuffie rappresentano uno dei progetti più ambiziosi del gigante di Mountain View: uno strumento capace di tradurre all’istante 40 lingue diverse utilizzando l’applicazione Google Translate.

“È come avere un proprio interprete personale ovunque si vada. Poniamo il caso vi troviate a Little Italy e vogliate ordinare un piatto di pasta sfoggiando un ottimo italiano. Tutto quello che dovrete fare è premere sulla cuffia destra e chiedere all’applicazione di aiutarvi a parlare la lingua”, ha scritto il product manager di Google, Adam Champy, sul blog dell’azienda.

LEGGI ANCHE: Perché a Google non interessa assumere i migliori

Google pixel buds

Le nuove cuffie di Google sono uno strumento molto simile all’app di Google Translate già disponibile sugli store Android e iOS, ma decisamente più ambizioso e funzionale, dal momento che sarà possibile inserire l’auricolare nel nostro orecchio e utilizzarlo mentre qualcuno ci parla, arrivando così a comprendere – teoricamente – tutte le lingue al mondo.

Dotati di un’autonomia di circa cinque ore con una singola ricarica, i Pixel Buds saranno venduti in una speciale confezione che funge essa stessa da caricatore.

Le cuffie saranno disponibili per l’acquisto dal prossimo novembre al prezzo di 159 dollari.

Al momento del lancio potranno essere utilizzate solo con il Pixel2, lo smartphone di casa Google, ma non è escluso che in futuro possano essere compatibili con altri tipi di dispositivi.

LEGGI ANCHE: Google vuole costruire una città digitale

Nella foto qui sotto: gli auricolari Pixel Buds, le nuove cuffie di Google in grado di tradurre all’istante 40 lingue diverse 

google pixel buds

Ti potrebbe interessare
Esteri / Finale di Champions, caos ai cancelli: la polizia usa lacrimogeni e spray contro i tifosi | VIDEO
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Putin ai leader europei: “Pronti a riprendere dialogo ma basta armi”. Nessun referendum di annessione a Kherson
Esteri / Pilota in pensione torna a combattere per Putin, ma muore in battaglia
Ti potrebbe interessare
Esteri / Finale di Champions, caos ai cancelli: la polizia usa lacrimogeni e spray contro i tifosi | VIDEO
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Putin ai leader europei: “Pronti a riprendere dialogo ma basta armi”. Nessun referendum di annessione a Kherson
Esteri / Pilota in pensione torna a combattere per Putin, ma muore in battaglia
Esteri / Spara sulla folla per un mancato parcheggio: una donna lo uccide a colpi di pistola
Esteri / La Cina ritira dalla circolazione un libro scolastico di matematica: “È pornografico”
Esteri / L’aereo Ita non risponde al centro radar: allarme nei cieli della Francia
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Zelensky: “Il Donbass sarà di nuovo ucraino”. Putin a Macron e Scholz: “Pronti al dialogo con Kiev”. L’Ue valuta missione navale per trasportare il grano ucraino
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev