Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:40
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Scienza

Google vuole costruire una città digitale

Immagine di copertina

La città di Toronto e Sidewalk Labs, società per l'innovazione urbana legata a Google, vicini a un accordo per la realizzazione di un quartiere hi-tech e smart. Nei piani del gigante di Mountain View la costruzione di una metropoli interamente digitale

È di pochi giorni fala notizia di un possibile accordo tra la città di Toronto e la Sidewalk Labs per la realizzazione di un quartiere totalmente hi-tech e smart. L’intesa potrebbe essere ufficializzata a breve.

Sidewalk Labs è una società statunitense che si occupa di innovazione urbana. È legata alla Alphabet Inc., la super holding nata nel 2015 cui fa riferimento Google.

Il progetto, chiamato Quayside, dovrebbe interessare un’area di quasi cinque ettari tra Parliament Street e Queens Quay che, in caso di intesa tra le due parti, sarà convertita in un grande centro ipertecnologizzato.

Il costo dell’operazione nella città canadese potrebbe superare il miliardo di dollari.

Per i nuovi edifici, la Sidewalk Labs ricorrerà alle tecniche di costruzione più innovative e “green”. Gli sforzi non si concentreranno solo su ricerca e sperimentazione, ma anche sull’adozione di soluzioni concrete per risolvere i problemi più diffusi nelle grandi città, come traffico, trasporti pubblici e mancanza di alloggi a prezzi accessibili.

Il piano di Google e Sidewalk Labs rientra in un progetto molto più ambizioso, in cantiere già da qualche anno: la costruzione della prima città smart. Un luogo ipertecnologico, dove tutto sarà digitalizzato e connesso, ma a misura d’uomo.

L’amministratore delegato di Sidewalk Labs, Dan Doctoroff, ha detto che la città del colosso di Palo Alto sarà un vero e proprio “laboratorio per rinnovare”.  Un enorme spazio dove sperimentare una nuova idea di metropoli e testare i numerosi progetti realizzati o ancora in preparazione.

L’officina ideale per Google, dove poter continuare in piena libertà la ricerca su energia pulita, intelligenza artificiale, domotica, guida autonoma e rete a banda larga.

I dirigenti di Sidewalk Labs non si sono sbilanciati nel fare annunci: il progetto di costruire una città dal nulla, in cantiere già da almeno un paio d’anni e ancora in fase embrionale, potrebbe arrivare a costare diversi miliardi di dollari.

Ti potrebbe interessare
Scienza / Digital Health Forum, Annalisa Chirico: “Salute e digitale, un binomio sempre più decisivo”
Scienza / La sfida tra Italia e Olanda per svelare i segreti del cosmo
Ambiente / I piccoli scienziati crescono
Ti potrebbe interessare
Scienza / Digital Health Forum, Annalisa Chirico: “Salute e digitale, un binomio sempre più decisivo”
Scienza / La sfida tra Italia e Olanda per svelare i segreti del cosmo
Ambiente / I piccoli scienziati crescono
Scienza / Come funziona la bomba atomica e perché si parla di “bomba A” e “bomba H”
Scienza / Quali sono gli effetti a lungo termine della bomba atomica: cosa succede dopo esplosione
Scienza / Quali danni potrebbe causare la bomba atomica
Scienza / Bomba atomica, tutto quello che c’è da sapere: chi l’ha inventata e quali danni ha causato
Scienza / Che cos’è la bomba atomica: come e quando è nata
Scienza / Il cervello, prima di morire, riproduce i ricordi migliori: lo studio che lo dimostra
Cronaca / Hiv, scoperta nuova variante più aggressiva e contagiosa