Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:49
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Gli uragani con nomi femminili uccidono più persone perché sono presi meno sul serio, rivela uno studio

Immagine di copertina

Secondo il National Hurricane Center degli Stati Uniti, dare nomi di persona a queste tempeste serve ad aiutare le persone a ridurre la confusione tra le diverse minacce climatiche

Uno studio rivela che gli uragani che vengono chiamati con un nome femminile uccidono più persone di quelli dal nome maschile. Questo perché i nomi femminili vengono attribuiti a gli uragani più pericolosi? No, secondo gli studiosi del Proceeding of National Academy Studies (PNAS) degli Stati Uniti d’America, ciò avviene perché gli uragani dai nomi femminili vengono presi meno seriamente dalla popolazione.

La ricerca ha preso in esame tutti gli uragani che hanno avuto luogo dal 1950 al 2012 negli Stati Uniti e ha notato come quelli femminili abbiano ucciso molte più persone. Secondo la ricerca ciò non sarebbe da imputarsi alla loro maggiore potenza, ma al fatto che molte meno persone, in quelle occasioni, prendono le necessarie contromisure per mettersi in salvo. Un fatto che sarebbe avvenuto di fronte a una minaccia presa meno seriamente.

Oltre ad analizzare il numero dei morti, infatti, il gruppo ha fatto alcune domande a un gruppo di persone intervistate. Gli sono state fatte domande come se secondo loro fosse più pericoloso un uragano di nome Alexander o di nome Alexandra senza conoscerne l’intensità, e la maggior parte ha definito più temibile Alexander.

“Di fronte alle forti tempeste, non importa quale sia il loro nome, l’importante è mettersi in salvo”, avverte lo studio del PNAS.

Tuttavia, non tutti gli esperti hanno concordato con questa ricerca. Jeff Lazo, del National Center for Atmospheric Research, ha notato come fino al 1979 tutti gli uragani abbiano avuto esclusivamente nomi femminili, fatto che altererebbe non poco una parte consistente della ricerca.

Ma perché vengono attribuiti nomi di persona agli uragani? Il National Hurricane Center dice che dare nomi semplici da ricordare – come i nomi di persona – a queste tempeste serve ad aiutare le persone a ridurre la confusione tra le diverse minacce climatiche.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Esteri / Bradley Cooper minacciato nella metropolitana di New York: “Aggredito con un coltello”
Esteri / AIRL, a Roma il Gala dell’amicizia italo-libica: “Che sia l’inizio di una nuova vita, di una stretta collaborazione”
Esteri / Variante, nel Regno Unito torna l’obbligo di mascherina nei luoghi e sui mezzi pubblici
Esteri / Austria, morto di Covid l’esponente No Vax Biacsics: aveva tentato di curarsi con clisteri di candeggina
Esteri / Usa, sparatoria in una scuola del Michigan: 15enne apre il fuoco sui compagni. Morti 3 studenti
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda