Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 10:04
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Ginevra, istituito salario minimo più alto del mondo: 3.800 euro mensili per i lavoratori

Immagine di copertina

Il Cantone di Ginevra, in Svizzera, ha stabilito un salario minimo per i lavoratori pari a 3.800 euro mensili con il referendum che si è tenuto domenica 27 settembre: circa 500mila abitanti si sono espressi in favore della proposta avanzata da sindacati e partiti di sinistra. Come riporta il quotidiano britannico the Guardian, si tratta della cifra più alta al mondo. Non è la prima volta che i cittadini del cantone svizzero sono chiamati a votare sulla questione, ma nel 2011 e nel 2014 ad aggiudicarsi la maggioranza dei voti era stato il “no”. La pandemia da Covid-19 avrebbe però cambiato la situazione, con un numero crescente di persone che si è ritrovata in difficoltà dopo che l’epidemia ha colpito il tessuto economico e produttivo di una delle città più care al mondo. Il 58 per cento degli elettori si è detto favorevole al nuovo salario.

La paga oraria minima sarà pari a poco meno di 21,5 euro l’ora, più del doppio della tariffa in vigore in Francia. Lo stipendio mensile minimo garantito sarà fissato a 4.086 franchi svizzeri su una settimana lavorativa di 41 ore. Michel Charrat, presidente del Groupement transfrontalier européen, un’organizzazione indipendente che supporta le persone che vivono e lavorano al confine tra Francia e Svizzera, ha descritto il risultato del voto come un “segno di solidarietà” verso le fasce più povere della popolazione. La misura riguarderà almeno 30mila lavoratori a bassa retribuzione, due terzi dei quali donne, molti impiegati come addetti alle pulizie o in ristoranti e parrucchieri.

Leggi anche: 1. Svizzera: il tragitto casa-ufficio entra a far parte dell’orario di lavoro per tutti i dipendenti pubblici 2. Gli amori separati dalla frontiera Svizzera-Italia: divisi da una manciata di chilometri e dal dpcm

Ti potrebbe interessare
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Ti potrebbe interessare
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio