Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:23
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

“Giustizia per George”: in 48 ore più di 4 milioni di firme per l’afroamericano morto soffocato dalla Polizia

Immagine di copertina

Una petizione per chiedere giustizia per George Floyd, l’afroamericano ucciso dalla polizia a Minneapolis il 27 maggio, è stata lanciata da una ragazza su Change.org e nel giro di 48 ore ha raccolto 4.462.305 milioni di firme.

“Perché il poliziotto non è in galera?”

Anche Jacob Frey, primo cittadino della principale città del Minnesota, partecipa alle proteste e alla petizione:”George Floyd merita giustizia, la sua famiglia merita giustizia, la comunità nera e la città meritano giustizia”. Almeno qualcuno che lo ha detto c’è. Ma dietro questa morte terribile e dietro l’impunità dell’agente assassino c’è il marciume del sistema americano nella quale la polizia ha troppo spesso la licenza d’uccidere.

Lo stesso sistema che qualche sovranista trumpiano vorrebbe importare nella nostra civiltà giuridica negando il reato di tortura e aumentando la protezione di coloro che tra le forze di polizia mostrano un’indole violenta. Il sindaco di Minneapolis, Jacob Frey, ha esortato oggi le autorità ad arrestare l’agente di polizia bianco che ha soffocato, provocandone la morte, l’afroamericano George Floyd. “Perché l’uomo che lo ha ucciso non è in prigione? – ha chiesto durante una conferenza stampa – George Floyd merita giustizia, la sua famiglia merita giustizia, la comunità nera e la nostra città meritano giustizia”.
Il sindaco, che non ha l’autorità per incriminare l’agente, ha detto di aver chiesto al procuratore della contea di farlo, senza specificare con quali accuse.

La petizione

Nella petizione si legge: “George è stato ammanettato e trattenuto, ed è stato completamente collaborativo, fino a che la situazione è precipitata. Uno dei due agenti di polizia, infatti, ha messo il ginocchio sul collo di George, tenendolo premuto per interi minuti, mentre George urlava che non riusciva a respirare.

Chi ha scritto il testo della petizione continua: “Gli astanti hanno ripetutamente chiesto all’agente di polizia di togliere il ginocchio dal collo di George, ma il poliziotto non ha ascoltato e ha continuato a premere, soffocandolo. Per la cronaca, George non era nemmeno ricercato per un crimine violento. Semplicemente un negozio di alimentari aveva sostenuto che George avesse pagato con un assegno scoperto.”

Organizzatori e firmatari affermano di voler “attirare l’attenzione del sindaco Jacob Frey e del procuratore distrettuale Mike Freeman, per chiedere che venga depositata immediatamente l’accusa di omicidio contro gli agenti che hanno soffocato George”.

 

L’omicidio ha scatenato diverse proteste con scontri tra i manifestanti e la polizia. Sul caso sta indagando l’FBI mentre il candidato democratico Joe Biden ha chiesto un’indagine federale. I quattro agenti della polizia coinvolti nella morte dell’uomo sono stati licenziati e il sindaco Frey l’ha definita una scelta giusta.

La petizione lanciata per George Floyd propone quindi la richiesta di un’accusa di omicidio contro i quattro mentre dal mondo dello sport Usa si sono sollevate diverse reazioni simbolo di un’America scossa dalla morte dell’uomo.

LEGGI ANCHE:

1. Usa, afroamericano fermato dalla polizia muore soffocato: agenti licenziati | VIDEO / 2. “Il gigante buono”: chi era l’afroamericano morto soffocato dalla polizia negli Usa / 3. Derek Chauvin, cosa sappiamo sul poliziotto che ha ucciso l’afroamericano George Floyd4. Essere un nero in America è ancora una sentenza di morte/ 5. “Soffocato dalla polizia: quell’uomo morto negli Usa ricorda il caso Magherini. Ma in Italia abbiamo smesso di indignarci”: TPI intervista l’avvocato della famiglia Cucchi

 

 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa ordinano alle famiglie dei diplomatici di lasciare l’Ucraina. Sconsigliano viaggi anche in Russia
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa ordinano alle famiglie dei diplomatici di lasciare l’Ucraina. Sconsigliano viaggi anche in Russia
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Esteri / L’Ue ristabilisce una “presenza minima” in Afghanistan: “Ma non riconosciamo i talebani”
Esteri / L’Ucraina accusa la Russia: “Ha aumentato le forniture militari a separatisti”
Esteri / L’Austria approva l’obbligo vaccinale: è il primo Paese in Europa
Esteri / Dopo un anno di presidenza Biden la rotta migratoria Messico-Usa è ancora un inferno: la denuncia di Msf
Esteri / Pedofilia, quasi 500 vittime di abusi nella diocesi di Monaco. Ratzinger non agì di fronte a 4 casi
Esteri / “Fateci pagare più tasse”: l’appello di cento super ricchi ai grandi della terra