Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 17:34
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La chiusura della frontiera tra Venezuela e Colombia

Immagine di copertina

La Colombia ha accusato il presidente venezuelano Maduro di aver provocato un disastro umanitario chiudendo la frontiera e deportando oltre mille cittadini colombiani

Il 26 agosto la Colombia e il Venezuela hanno raggiunto un accordo e promesso una maggiore cooperazione per contrastare i traffici di contrabbando tra i due Paesi, in seguito alle tensioni diplomatiche provocate dalla decisione del governo venezuelano di chiudere la frontiera e deportare oltre mille cittadini colombiani. 

Il 20 agosto due contrabbandieri colombiani hanno ucciso tre soldati venezuelani, che stavano pattugliando il villaggio di San Antonio del Tachira, al confine tra Colombia e Venezuela. Poche ore dopo l’attacco, il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha ordinato la chiusura temporanea di due dei principali punti di passaggio tra i due Paesi. 

Il governo venezuelano ha inoltre espulso oltre mille cittadini di nazionalità colombiana residenti nel Paese che, secondo quanto riporta l’agenzia Afp, non avevano un visto regolare. Nel 2015 oltre 10mila colombiani si sono rifugiati in Venezuela, per sfuggire alla guerra civile e cercare migliori opportunità economiche. 

Il 24 agosto il ministro dell’Interno colombiano Juan Fernando Cristo ha accusato il presidente Maduro di aver causato una tragedia umanitaria, deportando famiglie che vivevano da anni in Venezuela. La chiusura della frontiera ha inoltre provocato una grave crisi nella città di Cucuta, la cui economia dipende quasi totalmente dal commercio tra i due Paesi.

La frontiera tra Venezuela e Colombia è quotidianamente utilizzata da contrabbandieri, trafficanti di esseri umani e narcotrafficanti. Nell’ultimo anno il governo venezuelano ha arrestato oltre 6.000 persone per attività di contrabbando e ha sequestrato circa 28mila tonnellate di cibo.

“Abbiamo oltrepassato il limite con le continue aggressioni di gruppi armati e contrabbandieri”, ha detto Maduro, riferendosi ai trafficanti che comprano a basso costo beni di prima necessità in Venezuela e li rivendono a un prezzo rialzato oltre il confine.

L’accordo siglato dal ministro degli Esteri della Colombia e quello del Venezuela prevede la creazione di una task force che controllerà i passaggi di frontiera tra i due Paesi, per contrastare i flussi di migranti irregolari e i traffici di contrabbando. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Donna scomparsa ritrovata in un canyon: è sopravvissuta 5 mesi mangiando erba e muschio
Esteri / L’ascesa della lady di ferro di Madrid che ha stravinto le elezioni tenendo aperti i ristoranti
Esteri / Usa, giustiziato per omicidio: 4 anni dopo test scoprono DNA di un altro
Ti potrebbe interessare
Esteri / Donna scomparsa ritrovata in un canyon: è sopravvissuta 5 mesi mangiando erba e muschio
Esteri / L’ascesa della lady di ferro di Madrid che ha stravinto le elezioni tenendo aperti i ristoranti
Esteri / Usa, giustiziato per omicidio: 4 anni dopo test scoprono DNA di un altro
Esteri / Francia e Regno Unito inviano navi da guerra nella Manica: alta tensione sulla pesca
Esteri / Un agricoltore ha spostato per sbaglio il confine tra Francia e Belgio
Esteri / Biden annuncia lo stop ai brevetti sui vaccini: "Tempi straordinari richiedono misure straordinarie"
Esteri / Facebook conferma il bando di Trump. Il tycoon sfida il social e lancia la sua piattaforma: “La pagheranno”
Esteri / Basta camerieri, ok a scienziati e ingegneri: al via la stretta sull’immigrazione del Regno Unito
Esteri / Affari e petrolio: Total finanzia da anni la giunta militare in Myanmar
Esteri / Insetti da mangiare: l'Ue autorizza il consumo alimentare delle tarme della farina