Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 12:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Siria, la profezia del primo ministro francese Phillipe: “La rinascita dello Stato Islamico è inevitabile”

Immagine di copertina
Il primo ministro francese Edouard Phillipe

Il capo del governo francese, davanti all'Assemblea nazionale, ha puntato il dito anche contro le operazioni degli Usa in Siria

Siria, il premier francese: ‘La rinascita dello Stato islamico è inevitabile’

“La rinascita dello Stato Islamico è inevitabile”. È la dura conclusione a cui è giunto il premier francese, Edouard Phillipe, parlando all’Assemblea nazionale delle conseguenze dell’offensiva turca nel nord della Siria. E punta il dito anche contro il ritiro degli Stati Uniti dalla Siria nord-orientale.

Questo intervento è “devastante per la nostra sicurezza collettiva – ha detto Phillipe – con l’inevitabile rinascita di Daesh nella Siria nord-orientale e probabilmente anche altrove, nell’Iraq nord-occidentale, con la conseguente destabilizzazione di un regime che non ne aveva certamente bisogno”.

Il premier francese, nel suo intervento al Parlamento, ha accusato anche gli Stati Uniti di aver favorito l’offensiva turca nel momento in cui hanno deciso di ritirare mille soldati precedentemente schierati in Siria.

“Il caos che comincia ad emergere favorirà il riemergere dell’Isis“, ha poi avvertito Philippe, riprendendo lo stesso messaggio pronunciato dal presidente Emmanuel Macron durante un colloquio telefonico con l’omologo Usa, Donald Trump.

E come detto oggi anche dal ministro degli Esteri, Jean-Yves Le Drian, queste decisioni “mettono a repentaglio cinque anni di sforzi della coalizione” internazionale contro l’Isis, coalizione di cui gli stessi americani erano parte integrante.

Siria, la posizione della Francia

La Francia è stata tra gli stati membri più proattivi dell’Ue nell’opporsi all’operazione militare turca contro i curdi siriani. Il presidente della Turchia Receip Tayyp Erdogan li considera terroristi. Il governo francese è stato il primo a intervenire tagliando la fornitura di armi al suo alleato della Nato e mettendo sul tavolo le sanzioni.

Per il momento, invece, “il tema delle sanzioni alla Turchia non è in agenda” del prossimo Consiglio europeo. Lo rivela una fonte ben informata del governo di Berlino, parlando della prossima sessione di giovedì 17 ottobre.

Si “parlerà dell’invasione della Turchia”, prosegue la fonte, ma non di sanzioni. Tuttavia, data la fluidità della situazione nella regione e i cambiamenti giorno per giorno, non è nemmeno possibile escludere del tutto questa misura, si precisa da Berlino.

QUI la diretta della giornata in Siria

Siria, soldati Isis in fuga dalle carceri curde colpite da Erdogan: 2mila foreign fighters pronti a tornare in Europa

Tutte le ultime notizie sulla guerra in Siria

Ti potrebbe interessare
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, Israele colpisce i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 136
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Ti potrebbe interessare
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, Israele colpisce i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 136
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Esteri / Nuovi raid su Gaza, tre razzi lanciati dalla Siria. Finora 126 morti
Esteri / “I vaccinati causano infertilità e aborti”: i no-mask pensano addirittura di usare la mascherina
Esteri / In Cambogia migliaia di persone sono rimaste senza cibo e medicine a causa del lockdown
Esteri / Iran, ragazzo di 20 anni decapitato dai suoi familiari perché gay
Esteri / L’uomo con 151 figli e 16 mogli: “Il mio lavoro è soddisfarle sessualmente”