Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:00
Pirelli Summer Promo
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Francia, sciopero di treni e aerei: sfida al presidente Macron

Immagine di copertina
I lavoratori di Sncf protestano contro la riforma ferroviaria del presidente Macron. Credit: AFP PHOTO / PHILIPPE HUGUEN

La protesta dei lavoratori di Sncf e Air France. Ecco cosa sta accadendo

Martedì 3 aprile 2018 in Francia è previsto un grande sciopero del settore trasporti. La mobilitazione coinvolge in particolare i lavoratori della compagnia ferroviaria pubblica Sncf e di Air France.

S&D

I primi protestano per la riforma ferroviaria voluta dal presidente francese Emmanuel Macron, mentre i secondi invocano un aumento salariale del 6 per cento.

I lavoratori incroceranno le braccia nell’ambito di una massiccia ondata di scioperi. Lo sciopero dei ferrovieri durerà 48 ore e proseguirà a ritmo di due giorni di stop su cinque da qui fino alla fine di giugno

Per i dipendenti di Air France, invece, quella del 3 aprile è la quarta mobilitazione in poco più di un mese, mentre altri tre scioperi sono già previsti per il 7, il 10 e l’11 aprile.

Sncf ha fatto sapere che la protesta interessa il servizio ferroviario in Francia e tra la Francia e l’Europa. Saranno operativi solo il 15 per cento dei treni ad alta velocità e il 25 per cento dei treni regionali.

Air France ha annunciato la cancellazione per il 3 aprile del 25 per cento dei voli previsti: in particolare, il 30 per cento dei voli a lunga distanza e il 33 per cento di quelli a medio raggio, che arrivano e partono dall’aeroporto Charles de Gaulle di Parigi, e il 15 per cento dei voli a corto raggio, dall’aeroporto di Orly verso altre destinazioni del paese.

I sindacati della Sncf protestano contro la riforma varata da Macron, che prevede tra le altre cose la soppressione delle assunzioni a statuto speciale e la trasformazione del gruppo in società per azioni: anche se il governo nega, i lavoratori temono che questo sia il primo passo verso la privatizzazione.

Il progetto di riforma, accusano i sindacati in una nota, “mira a distruggere il servizio pubblico ferroviario per puro dogmatismo ideologico” e “non risolverà né il problema del debito né quello delle disfunzioni”.

I ferrovieri contano di ottenere il consenso dell’opinione pubblica che, secondo i sondaggi, giudica lo stop ingiustificato ma potrebbe cominciare a vacillare se il governo non dovesse risolvere rapidamente la questione.

Da parte sua, Macron ha più volte sottolineato la necessità di modernizzare il settore e ricorda che far circolare un treno in Francia costa il 30 per cento in più che altrove.

Quanto ad Air France, i lavoratori chiedono un adeguamento salariale. La protesta non riguarda direttamente il governo, ma rischia di accrescere il malcontento dell’opinione pubblica.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Violenza e diritti umani in Colombia: da Montecitorio il sostegno alla Comunità di Pace di San José de Apartadó
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Ti potrebbe interessare
Esteri / Violenza e diritti umani in Colombia: da Montecitorio il sostegno alla Comunità di Pace di San José de Apartadó
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Esteri / Gaza: oltre 34.260 morti dal 7 ottobre. Media: "Il direttore dello Shin Bet e il capo di Stato maggiore dell'Idf in Egitto per discutere dell'offensiva a Rafah". Hamas diffonde il video di un ostaggio. Continuano gli scambi di colpi tra Tel Aviv e Hezbollah al confine con il Libano. L'Ue chiede indagine indipendente sulle fosse comuni a Khan Younis. Biden firma la legge per fornire aiuti a Ucraina, Israele e Taiwan
Esteri / Gaza: oltre 34.180 morti. Hamas chiede un'escalation su tutti i fronti. Tel Aviv nega ogni coinvolgimento con le fosse comuni di Khan Younis. Libano, Idf: "Uccisi due comandanti di Hezbollah". Il gruppo lancia droni su due basi in Israele. Unrwa: "Impedito accesso ai convogli di cibo nel nord della Striscia"
Esteri / Gaza, caso Hind Rajab: “Uccisi anche i due paramedici inviati a salvarla”
Esteri / Suoni di donne e bambini che piangono e chiedono aiuto: ecco la nuova “tattica” di Israele per far uscire i palestinesi allo scoperto e colpirli con i droni
Esteri / Francia, colpi d'arma da fuoco contro il vincitore di "The Voice 2014": è ferito
Esteri / Gaza, al-Jazeera: "Recuperati 73 corpi da altre tre fosse comuni a Khan Younis". Oic denuncia "crimini contro l'umanità". Borrell: "Israele non attacchi Rafah: provocherebbe 1 milione di morti". Macron chiede a Netanyahu "un cessate il fuoco immediato e duraturo". Erdogan: "Evitare escalation". Usa: "Nessuna sanzione per unità Idf, solo divieto di ricevere aiuti"
Esteri / Raid di Israele su Rafah: ventidue morti tra i quali nove bambini