Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:27
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Francia, shock per il questionario dell’Università sulla radicalizzazione di dipendenti e studenti

Immagine di copertina

Domande anche sulla barba degli uomini e le assenze durante l'ora delle preghiere

Francia, shock per il questionario dell’Università sulla radicalizzazione

Sconcerto in Francia per il questionario distribuito all’università di Cergy-Pontoise, nella periferia di Parigi, per intercettare anche “fiochi segni di radicalizzazione” tra dipendenti e studenti. Un’iniziativa che ha suscitato shock e indignazione, anche tra corpo insegnante e studenti.

I fatti risalgono a lunedì scorso, quando una mail viene inviata all’insieme del personale da parte del responsabile sicurezza dell’ateneo. Il suo obiettivo, è appunto, quello di prevenire attentati terroristici all’interno dell’università.

Nel controverso elenco stilato su file Excel – e nel frattempo ritirato anche se impazza sui social network – viene chiesto di segnalare eventuali comportamenti considerati ‘a rischio’, come un “improvviso interesse per l’attualità nazionale o internazionale”, “indossare pantaloni che arrivano a mezzo polpaccio”, “portare la barba senza baffi” o “smettere di consumare bevande alcoliche”.

Menzionato, tra l’altro, anche un “ricorrente assenteismo nelle ore di preghiera” e l’uso del velo islamico.

Ieri, 15 ottobre, il rettore, François Germinet, ha riconosciuto un messaggio “estremamente inopportuno”, che “non corrisponde a ciò che volevamo comunicare”. Quindi le “scuse” ufficiali a tutti coloro che si sono sentiti offesi, a cominciare dagli studenti di fede musulmana.

“L’Università si rammarica profondamente di aver potuto offendere o scioccare alcune persone all’interno e all’esterno dell’università con un linguaggio inappropriato e incomprensibile e vuole scusarsi con loro”, ha riferito.

Boccia l’iniziativa anche la ministra dell’Insegnamento Superiore, Frédérique Vidal. “Se la lotta alla radicalizzazione impone ad ognuno di noi di restare vigili, questa lotta non sarà mai vincente se si basa su pregiudizi e cliché”, ha deplorato in un tweet.

La settimana scorsa, in seguito all’attentato alla questura di Parigi, il presidente Emmanuel Macron aveva invitato l’intero Paese a “fare quadrato” contro “l’idra islamista”, contribuendo alla costruzione di una “società della vigilanza” in funzione anti-jihad.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”
Esteri / Elon Musk sulla crisi demografica in Italia: “Se continua così non ci saranno più italiani”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”
Esteri / Elon Musk sulla crisi demografica in Italia: “Se continua così non ci saranno più italiani”
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”
Esteri / Strage in Texas, la rabbia del coach Nba Steve Kerr che irrompe in conferenza stampa: “Non parlerò di basket”
Esteri / "Ha una protesi": il video che alimenta nuovi dubbi sullo stato di salute di Vladimir Putin
Esteri / Strage in Texas, il momento in cui il killer entra nella scuola elementare | VIDEO
Esteri / Stati Uniti, 18enne apre il fuoco in una scuola elementare: uccise 21 persone, tra cui 19 bambini
Esteri / Lo sfogo della rifugiata ucraina scappata con l’uomo che l’aveva accolta: “Non sono una sfasciafamiglie”
Esteri / Guerra in Ucraina, forze russe avanzano a est: “Sfondate difese ucraine nel Luhansk”. USA, stop all'esenzione: più vicino il default russo