Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 17:50
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La polizia francese disperde manifestanti che protestano contro la riforma del lavoro

Immagine di copertina

Le forze dell’ordine hanno sgomberato i lavoratori che bloccavano l'accesso alla raffineria di petrolio di Fos-sur-Mer

La polizia francese ha disperso i lavoratori che stavano protestando davanti alla raffineria di petrolio di Fos-sur-Mer, all’alba di martedì 24 maggio.

Le forze dell’ordine hanno usato idranti e gas lacrimogeni per sgomberare i manifestanti che bloccavano l’accesso allo stabilimento situato nell’area portuale di Marsiglia.

La decisione segue l’escalation di tensioni che si è avuta negli ultimi giorni tra il governo socialista e la “Confédération générale du travail” (Cgt), il sindacato che sta cercando di trasformare le singole proteste esplose nel paese in uno sciopero generale di tutto il settore.

I lavoratori francesi protestano per la recente riforma voluta dal presidente della repubblica François Hollande. Alla base della riforma vi è una serie di norme che prevede una semplificazione delle regole di assunzione e licenziamento, una maggiore flessibilità sugli orari di lavoro e la possibilità per le grandi aziende di ridurre i salari.

Il governo ha disegnato queste misure per combattere la disoccupazione, arrivata al 10 per cento. I tre quarti dei francesi si dichiarano contrari alla legge e criticano l’esecutivo per aver fatto ricorso all’articolo 49.3 della Costituzione che prevede l’approvazione delle normative senza passare dal voto del parlamento.

Il governo sostiene che i tentativi dei sindacati di soffocare l’offerta di petrolio non saranno tollerati. Il portavoce della Cgt, Emmanuel Lepine, ha dichiarato che “lo scopo non è quello di causare scarsità di petrolio, ma quello di affossare la riforma del lavoro”. Tuttavia, ha anche aggiunto che la produzione scenderà almeno del 50 per cento.

Le proteste per la riforma avevano già causato nei giorni scorsi forti disagi. La compagnia petrolifera francese Total ha reso noto che centinaia delle sue 2.200 stazioni di servizio erano rimaste quasi o totalmente senza disponibilità di benzina. Domenica 22 maggio, delle 12.000 stazioni di tutto il paese, le 820 senza più una goccia di petrolio hanno dovuto chiudere. 

La Cgt ha convocato uno sciopero aperto dei trasporti parigini per il 2 giugno, una settimana prima dell’inizio degli europei di calcio organizzati in Francia.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Ti potrebbe interessare
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo