Me

Francia, Le Pen chiede la revoca della cittadinanza ai jihadisti che tornano a casa dopo aver combattuto in Siria

Di Laura Melissari
Pubblicato il 17 Ott. 2019 alle 14:40 Aggiornato il 18 Nov. 2019 alle 18:01
Immagine di copertina

Francia, Le Pen chiede la revoca della cittadinanza ai jihadisti che tornano a casa dopo aver combattuto in Siria

Marine Le Pen, leader del Front National, chiede al governo francese di “revocare la cittadinanza per decreto amministrativo” a tutti i jihadisti francesi partiti a combattere in Siria, sul modello di un provvedimento adottato in Danimarca per le persone con doppio passaporto.

Anche in Francia, come altrove, la cittadinanza può essere revocata solo alle persone con doppia cittadinanza ma non, tra questi, a coloro che sono nati francesi. La precedente amministrazione del presidente Francois Hollande, già nel 2016, fallì nel tentativo di adottare un simile provvedimento, suscitando una lunga stagione di polemiche nel Paese.

In questi giorni è tornato alla ribalta il tema del ritorno dei jihadisti combattenti in Siria. Dopo l’attacco della Turchia ai curdi nel nord della Siria, sono fuggiti centinaia di prigionieri jihadisti che si trovavano nelle carceri controllate dalle Ypg, le unità di protezione popolare curde che hanno sconfitto l’Isis in Siria.

Qui due articoli utili per inquadrare la vicenda:

Siria, soldati Isis in fuga dalle carceri curde colpite da Erdogan: 2mila foreign fighters pronti a tornare in Europa

Chi sono i jihadisti vicini ad al Qaeda chiamati da Erdogan a combattere contro i curdi al fianco della Turchia

Tutte le ultime notizie sulla guerra in Siria