Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:19
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Un fotogiornalista olandese è stato ucciso da un cecchino dell’Isis in Libia

Immagine di copertina

Miliziani del sedicente Stato islamico domenica a Sirte hanno attaccato le forze libiche, uccidendo otto miliziani

I miliziani alleati dell’esercito libico hanno respinto domenica 2 ottobre un attacco dei jihadisti dell’Isis a Sirte, l’ex roccaforte del sedicente Stato islamico in Libia, ma nei combattimenti sono morti otto soldati e un fotogiornalista olandese, colpito da un cecchino.

Jeroen Oerlemans, il fotografo ucciso, aveva 45 anni. Era un reporter di guerra con grande esperienza: aveva lavorato in Afghanistan, in Siria, in Libia e aveva fatto alcuni reportage seguendo le rotte dei migranti che arrivano in Europa.

Nel 2012 era stato rapito in Siria insieme al fotografo inglese John Cantlie, ma venne rilasciato una settimana dopo.

I miliziani autori dell’imboscata, avvenuta in un quartiere orientale di Sirte, probabilmente sono arrivati dal deserto.

È solo l’ultima dimostrazione di come la minaccia jihadista in Libia sia ancora attuale dopo quattro mesi di combattimenti per liberare la città ex roccaforte dell’autoproclamato califfato in Nord Africa.

Grazie al supporto dell’aviazione degli Stati Uniti, le brigate di Misurata e l’esercito libico sono riusciti a prendere il controllo di gran parte della città e hanno messo sotto assedio i jihadisti, rimasti intrappolati in un piccolo quartiere residenziale sul mare.

La loro avanzata è stata rallentata nei combattimenti strada per strada dai cecchini dell’Isis, dalle autobombe e dagli attentati suicidi.

Nelle ultime settimane i jihadisti hanno compiuto numerosi attacchi e le forze di sicurezza libiche temono che i miliziani che sono riusciti a fuggire da Sirte si siano raggruppati e stiano per lanciare una controffensiva.

— Leggi anche: Militari italiani in Libia, parte la missione Ippocrate

Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Esteri / La disperata fuga in auto sulle strade del Donbass tra le bombe dei russi
Esteri / Guerra in Ucraina, Lavrov, il piano di pace italiano "non è serio". L'Italia revoca 4 onorificenze ai russi "per indegnità"
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”