Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:50
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

I residenti di Fort McMurray in Canada iniziano a tornare alle proprie case dopo l’incendio

Immagine di copertina

Tre quartieri della città, i più danneggiati, rimangono ancora off-limits. I 9000 abitanti di quelle aree non potranno fare ritorno a casa nel prossimo futuro

Alcuni residenti Fort McMurray, città canadese dell’Alberta, hanno iniziato a tornare alle proprie case per la prima volta dopo che un gravissimo incendio aveva devastato la città, provocando almeno 90mila sfollati.

La prima ministra dell’Alberta, Rachel Notley, ha detto che iniziano ad esserci le condizioni necessarie per il ritorno dei primi residenti. 

Tre quartieri della città, i più danneggiati, rimangono ancora off-limits. Si tratta di Abasand, Beacon Hill e Waterways, i cui 9000 abitanti non potranno fare ritorno a casa nel prossimo futuro. 

Le autorità continueranno a monitorare le condizioni di sicurezza delle infrastrutture, modificando i piani di rientro se la situazione peggiorerà o non sarà ritenuta sicura. 

Si prevede che la qualità dell’aria continuerà a migliorare grazie al clima più fresco e alle piogge in arrivo.

“La resilienza e la determinazione del popolo di Fort McMurray continua a stupirmi giorno dopo giorno”, ha scritto Notley su Facebook.

I cittadini che torneranno a casa in questi giorni dovranno portare con sé acqua, cibo e altri beni di prima necessità che durino almeno per le prossime due settimane, a causa della mancanza di negozi e di servizi. 

La polizia canadese pattuglierà le strade per fornire l’aiuto necessario a quanti faranno ritorno in città. A tutti i residenti con patologie respiratorie è però vietato il ritorno a Fort McMurray. 

L’incendio era scoppiato il 1 maggio nei boschi limitrofi alla città, e in totale ha distrutto oltre 2.400 edifici. La situazione era precipitata il 3 maggio, quando le fiamme hanno raggiunto i quartieri periferici della città. 

L’area di Fort McMurray è nota per essere circondata da sabbie bituminose, delle rocce da cui si estrae il petrolio, che hanno permesso alle fiamme di propagarsi con estrema rapidità. Quasi 6.000 chilometri quadrati sono stati interessati dall’incendio, che non si è ancora spento del tutto. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Esteri / Nuovi raid su Gaza, tre razzi lanciati dalla Siria. Finora 126 morti
Esteri / “I vaccinati causano infertilità e aborti”: i no-mask pensano addirittura di usare la mascherina
Esteri / In Cambogia migliaia di persone sono rimaste senza cibo e medicine a causa del lockdown
Esteri / Iran, ragazzo di 20 anni decapitato dai suoi familiari perché gay
Esteri / L’uomo con 151 figli e 16 mogli: “Il mio lavoro è soddisfarle sessualmente”
Esteri / L’ex miss Myanmar si unisce alla lotta contro la dittatura militare: “Combatto per il mio Paese”
Esteri / David Grossman: “Il dialogo è fallito, la violenza fra arabi ed ebrei spezza il sogno della coesistenza”