Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Fillon perde terreno dopo lo scandalo sul lavoro della moglie

Immagine di copertina

Il candidato di centro destra alle presidenziali francesi, dato per favorito fino a pochi giorni fa, cala nei sondaggi

Il 69 per cento dei cittadini francesi vorrebbe che il candidato di centro-destra François Fillon facesse marcia indietro nella corsa alle presidenziali.

La sua popolarità è stata duramente scalfita dopo lo scandalo che ha visto coinvolto l’ex premier per il lavoro da assistente parlamentare retribuito ma mai svolto della moglie Penelope.

Un sondaggio di Harris Interactive, condotto per conto della radio francese RMC e Atlantico, ha aggiunto che Alain Juppé è il candidato preferito per sostituire Fillon come candidato presidenziale per il partito repubblicano.

Il sondaggio ha anche detto che il 29 per cento degli intervistati ha dichiarato che Fillon potrebbe essere il candidato vincente, mentre il 57 per cento pensa che partito potrebbe vincere se rappresentato da un altro candidato. 

All’inizio di questa settimana, Fillon ha accusato i suoi avversari di fomentare lo scandalo, nel tentativo di affossare la sua campagna presidenziale. 

Un sondaggio di Elabe ha evidenziato che i favoriti per vincere il primo turno delle elezioni e accedere al secondo turno sarebbero la leader del partito di estrema destra Front National, Marine Le Pen, e il candidato centrista Emmanuel Macron, che avrebbe più probabilità di vincere la presidenza, superando così Fillon, che i sondaggi davano per favorito prima che scoppiasse lo scandalo.

Fillon ha costantemente perso terreno nei sondaggi dopo l’inchiesta del giornale satirico Le Canard Enchaine, secondo cui l’ex premier aveva pagato alla moglie Penelope 500mila euro per un lavoro che non avrebbe mai svolto quando lui era deputato. 

La squadra anticorruzione della polizia francese ha perquisito martedì 31 gennaio 2017 l’ufficio di Fillon presso il parlamento. 

La coppia Fillon è stata interrogata a lungo e separatamente lunedì 30 gennaio, e martedì la polizia ha perquisito l’ufficio di Fillon alla ricerca, sembra, dei contratti di lavoro della moglie.

— LEGGI ANCHE: Chi è Marine Le Pen 

Chi è Francois Fillon

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Anche l’Economist volta le spalle a Draghi: “La sua candidatura al Quirinale un male per l’Italia e l’Europa”
Esteri / Un uomo è sopravvissuto dopo aver viaggiato per 10 ore nel carrello di un aereo partito dal Sudafrica
Esteri / Usa ordinano alle famiglie dei diplomatici di lasciare l’Ucraina. Sconsigliano viaggi anche in Russia
Ti potrebbe interessare
Esteri / Anche l’Economist volta le spalle a Draghi: “La sua candidatura al Quirinale un male per l’Italia e l’Europa”
Esteri / Un uomo è sopravvissuto dopo aver viaggiato per 10 ore nel carrello di un aereo partito dal Sudafrica
Esteri / Usa ordinano alle famiglie dei diplomatici di lasciare l’Ucraina. Sconsigliano viaggi anche in Russia
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Esteri / L’Ue ristabilisce una “presenza minima” in Afghanistan: “Ma non riconosciamo i talebani”
Esteri / L’Ucraina accusa la Russia: “Ha aumentato le forniture militari a separatisti”
Esteri / L’Austria approva l’obbligo vaccinale: è il primo Paese in Europa
Esteri / Dopo un anno di presidenza Biden la rotta migratoria Messico-Usa è ancora un inferno: la denuncia di Msf