Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:38
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Decapita la figlia neonata insieme all’amante: la bambina li aveva “disturbati”

Immagine di copertina
La piccola Anna Klob di soli 8 mesi a sinistra

La tragedia è avvenuta in Bielorussia, a Luninets, dove una donna ha massacrato di botte, per poi accoltellare e infine decapitare la figlia di soli otto mesi.

La bambina si chiamava Anna Klob, morta per colpa di una madre folle e del suo amante che hanno deciso di ucciderla con tanta ferocia e brutalità.

Proprio nel luogo dove avrebbe dovuto essere più al sicuro la neonata è stata ammazzata: dalla madre e in casa. Il piccolo corpo della bambina decapitato è stato trovato sul pavimento in una pozza di sangue.

A ritrovare la neonata a terra come una bambola di pezza in un mare di sangue è stato proprio il padre, che rientrando in casa insieme agli altri due figli, si è trovato di fronte questa scena da horror.

Uno dei paramedici che ha dovuto recuperare il corpo della bambina è svenuto dall’impressione e dall’orrore della scena.

Gli assassini sono la madre della bambina Natalia Klob, 25 anni, e il suo amante 47enne, di cui si conosce solo il nome: Viktor.

I due erano in casa con Anna quando hanno iniziato a bere alcolici per poi avventarsi come delle belve feroci sulla piccola.

All’inizio la bambina è stata aggredita con un coltello da cucina, colpevole forse di averli disturbati.

Subito dopo avere ucciso la bambina i due sono scappati, quindi il padre della piccola Leonid Klob, 28 anni, rientrando in casa non ha trovato nessuno, se non il corpo della figlia disteso a terra nel sangue.

La polizia ha subito rintracciato gli assassini che sono stati subito arrestati.

Per l’amante della donna sarà chiesta la condanna a morte per fucilazione, mentre la madre della bambina rischia 25 anni di carcere: la pena capitale, infatti, è prevista per legge solo per i maschi tra i 18 e i 65 anni.

La Bielorussia è l’unico Stato europeo dove esiste ancora la pena di morte: bendati e costretti a inginocchiarsi, i condannati vengono uccisi con un proiettile alla nuca.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, in Texas torna in vigore una legge del 1925 che vieta l’aborto e lo punisce col carcere
Esteri / Corte Suprema anti-aborto: così da 250 anni i giudici sono al servizio della destra
Esteri / Messico, albergatore italiano ucciso a colpi di pistola: stava andando a prendere le figlie a scuole
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, in Texas torna in vigore una legge del 1925 che vieta l’aborto e lo punisce col carcere
Esteri / Corte Suprema anti-aborto: così da 250 anni i giudici sono al servizio della destra
Esteri / Messico, albergatore italiano ucciso a colpi di pistola: stava andando a prendere le figlie a scuole
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Potenti esplosioni avvertite a Mykolaiv, nuovi aiuti dagli Usa. Cingolani: “Se Mosca chiudesse il gas, l’inverno potrebbe essere difficile”
Esteri / Mamma vegana costringe il figlio a mangiare solo frutta e verdura cruda per 18 mesi: lui muore di fame
Esteri / L’ex presidente ucraino Poroshenko a TPI: “L’Ue non ci basta, ora vogliamo la Nato. Putin? È un criminale”
Esteri / Covid, Kim Jong-un: “Il virus è stato mandato dalla Corea del Sud con i palloncini”
Esteri / Covid trasmesso da gatto all’uomo: il primo caso documentato
Esteri / Guerra in Ucraina, missili su palazzo a Odessa: salgono a 19 le vittime. Mosca: la Nato è tornata a logiche da guerra fredda
Esteri / Nato, nuova gaffe di Biden: il presidente Usa confonde la Svezia con la Svizzera