Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Un impiegato dell’Fbi ha ammesso di aver lavorato per la Cina

Immagine di copertina

Joey Chun si è dichiarato colpevole di aver girato informazioni sensibili a Pechino per cinque anni. Rischia fino a dieci anni di carcere

Un tecnico elettronico impiegato dell’Fbi si è dichiarato colpevole di aver agito come agente della Cina, ammettendo di aver passato informazioni sensibili ai funzionari di Pechino in numerose occasioni.

Kun Shan Chun, conosciuto anche come Joey Chun, lavorava per l’Fbi sin dal 1997 ed era stato arrestato a marzo, sebbene le accuse contro di lui siano state rese note solo lunedì 1 agosto, quando di fronte alla corte federale di New York l’imputato si è dichiarato colpevole di aver spiato l’Fbi per conto della Cina dal 2011 al 2016.

Tra le informazioni girate ai funzionari cinesi anche l’identità e i piani di viaggio di un agente dell’Fbi, un diagramma organizzativo interno e le foto di alcuni documenti riservati sulle tecnologie di sorveglianza.

“Sapevo che stavo facendo una cosa sbagliata, mi dispiace per le mie azioni”, ha dichiarato Chun, nato in Cina ma cittadino americano naturalizzato.

Il 46enne è stato rilasciato su cauzione dopo l’udienza. In base a un accordo con il procuratore, ha rinunciato al diritto di appellarsi per una pena inferiore ai 27 mesi di reclusione. La sentenza sarà emessa il prossimo 2 dicembre e l’imputato rischia fino a dieci anni di carcere.

“La verità è che Chun ama gli Stati Uniti e non ha mai voluto causare loro alcun danno. Spera di potersi mettere questa vicenda alle spalle e di andare avanti con la sua vita”, ha dichiarato il suo avvocato Jonathan Marvinny.

L’uomo era stato inizialmente arrestato per aver fornito una falsa dichiarazione riguardo i suoi contatti con cittadini cinesi e con un produttore cinese di stampanti. Secondo le accuse mosse allora, Chun doveva svolgere delle ricerche e fornire consulenza alla società.

Successivamente era emerso che la società in questione aveva connessioni a livello governativo con Pechino, e che i genitori di Chun, investitori dell’azienda, lo avrebbero spinto ad agire per suo conto. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Esteri / Afghanistan: 8 fratellini orfani morti di fame. L’allarme di Save The Children: “Paese sull’orlo della carestia”
Ti potrebbe interessare
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Esteri / Afghanistan: 8 fratellini orfani morti di fame. L’allarme di Save The Children: “Paese sull’orlo della carestia”
Esteri / I Maneskin alla conquista degli Usa: apriranno il concerto dei Rolling Stones a Las Vegas
Esteri / Allarme in Europa: rubate le chiavi per generare Green pass. Nel dark web quello “funzionante” di Hitler
Esteri / Scandalo Facebook, Zuckerberg a un passo delle dimissioni
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass