Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 08:20
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La classifica delle famiglie più ricche del 2018

Immagine di copertina
Le famiglie Walton, Ambani e Albrecht

In lista, al 25esimo posto, anche un'italiana

La fine dell’anno (2018) è vicina e, di conseguenza, è tempo di bilanci. Bloomberg, a tal proposito, ha stilato la classifica delle 25 famiglie più ricche al mondo. Un patrimonio (netto) che ammonta complessivamente a 1.100 miliardi di dollari. I settori coinvolti sono tantissimi, dall’alimentare all’automobilistico. E, a sorpresa, c’è anche un’italiana.

La classifica delle famiglie più ricche del 2018

Al primo posto c’è la famiglia Walton, fondatrice della Waltmart, la catena americana di negozi al dettaglio avviata negli anni Sessanta. La multinazionale ha dichiarato, per il 2018, vendite per 500 miliardi di dollari.

Sul podio salgono anche i Koch. Con un patrimonio netto di 98,7 miliardi di dollari, la Koch Industries si occupa principalmente di produzione di energia e di raffinazione del petrolio. In terza posizione, subito dopo l’impresa statunitense, c’è la famiglia Mars. La multinazionale specializzata in dolciumi – tra i prodotti di punta Bounty, M&M’s e, per l’appunto, Mars – ha registrato ricavi annui superiori ai 35 miliardi di dollari.

A seguire ci sono i Van Damme, i de Spoelberch e i de Mevius. Le tre famiglie hanno accumulato nel 2017, grazie all’Anheuser-Busch InBev – l’azienda che produce le birre Stella Artois e Corona – 54 miliardi di dollari.

La Hermès, leader nei settori della moda e del lusso, ha fatto conquistare il quinto posto alla famiglia Dumas. Il suo patrimonio è infatti di 49,2 miliardi di dollari. Restando nello stesso ambito, seguono i Dumas i Wertheimer detentori del marchio Chanel: i ricavi segnati sono 9,6 miliardi di dollari.

Anche la famiglia Ambani è in lista. Con la Reliance Industries, compagnia privata indiana destinata alla creazione di prodotti petrolchimici e per la tessitura, hanno registrato un patrimonio di 43,3 miliardi di dollari. In buona posizione i Quandt, i proprietari di BMW, l’azienda tedesca produttrice di autoveicoli e motoveicoli.

Al penultimo posto c’è la famiglia Cargill-Macmillan, esperta nel campo alimentare e, infine, ci sono i Boehringer e i Baumbach. Questi ultimi, con un patrimonio di 42,2 miliardi di dollari, gestiscono la Boehringer Ingelheim, una delle più grandi società farmaceutiche al mondo.

E l’Italia? Al 25esimo posto c’è la famiglia Ferrero, la multinazionale specializzata in prodotti dolciari fondata da Pietro Ferrero nel 1946 ad Alba. Grazie a uno dei prodotti più celebri, la Nutella, ha accumulato un patrimonio di 22,9 miliardi di dollari.

Le altre famiglie miliardarie in lista, dall’11esima al 24esima posizione, sono: Albrecht, Mulliez, Kwok, Cox, Pritzker, Lee, Rausing, Thomson, SC Johnson, Dassault, Duncan, Hoffman-Oeri, Hearst e Lauder.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Esteri / “L’Unione Europea ha un piano per tagliare le serie tv britanniche da Netflix e Amazon”
Esteri / Cina, il Covid non ferma il festival di Yulin: “Trucidati migliaia di cani”
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Un “caso Floyd” in Europa: vittima un uomo di etnia Rom
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)