Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:52
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La falsa ambasciata americana che vendeva documenti illegali in Ghana

Immagine di copertina

La rappresentanza diplomatica, gestita da gang criminali, ha rilasciato per oltre dieci anni ad Accra visti e passaporti autentici, ma ottenuti illegalmente

Le autorità ghanesi hanno chiuso un’ambasciata ad Accra, capitale del Ghana. Non si tratta dell’inizio di una crisi diplomatica, ma dello smantellamento di un’organizzazione criminale.

Una falsa rappresentanza diplomatica degli Stati Uniti nel paese africano rilasciava da dieci anni visti americani autentici, ma ottenuti illegalmente.

L’ufficio in questione aveva sede in un fatiscente edificio rosa di due piani che sventolava orgogliosamente una bandiera a stelle e strisce, ed esponeva al suo interno l’immancabile ritratto del presidente statunitense.

Ma la vera ambasciata non ha nulla a che vedere con questa struttura e si trova invece in uno dei quartieri più fortificati e lussuosi della capitale ghanese.

Il personale della falsa ambasciata era composto da cittadini locali e turchi, che parlavano inglese e olandese, e appartenevano a gang criminali, le quali si avvalevano della consulenza legale di un avvocato esperto in diritto migratorio e penale.

Durante le indagini è emersa anche l’esistenza di una falsa ambasciata dei Paesi Bassi ad Accra, che svolgeva le stesse attività. Il gruppo rilasciava visti, documenti d’identità e certificati di nascita autentici, ma ottenuti in modo fraudolento, alla cifra di 6.000 dollari l’uno.

Le perquisizioni hanno condotto all’arresto di alcune persone, mentre le autorità hanno rinvenuto visti contraffatti di diversi paesi – India, Sudafrica e membri dell’area Schengen –, ma anche 150 passaporti di dieci nazionalità.

Non è chiaro come l’organizzazione criminale avesse ottenuto i documenti e quante persone siano entrate nei paesi di destinazione con i visti emessi dalla falsa ambasciata.

L’ufficio non accettava appuntamenti ma riceveva tre mattine a settimana e pubblicizzava i suoi servizi in Ghana, Togo e Costa d’Avorio, attirando clienti in tutta l’Africa occidentale.

La richiesta di visti occidentali in Africa costituisce un business redditizio.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Ti potrebbe interessare
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Esteri / La disperata fuga in auto sulle strade del Donbass tra le bombe dei russi
Esteri / Guerra in Ucraina, Lavrov, il piano di pace italiano "non è serio". L'Italia revoca 4 onorificenze ai russi "per indegnità"
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”
Esteri / Elon Musk sulla crisi demografica in Italia: “Se continua così non ci saranno più italiani”
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”
Esteri / Strage in Texas, la rabbia del coach Nba Steve Kerr che irrompe in conferenza stampa: “Non parlerò di basket”