Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Facebook accusa NSO Group di attacchi hacker su WhatsApp: “Rubati dati degli utenti”

Immagine di copertina

Il popolare social network denuncia un presunto furto di dati degli utenti

Facebook accusa NSO Group di attacchi hacker su WhatsApp

Facebook ha fatto causa alla società israeliana NSO Group (una società tecnologica israeliana focalizzata sulla cyber intelligence) per un presunto furto di dati degli utenti di WhatsApp, avvenuto tra aprile e maggio di quest’anno. In una denuncia di 15 pagine presentata al Tribunale distrettuale di San Francisco, negli Stati Uniti, pubblicata in copia dal quotidiano The Washington Post, Facebook denuncia una serie di attacchi informatici contro oltre 100 attivisti, giornalisti, funzionari governativi, diplomatici e dissidenti politici nel mondo.

Secondo Will Cathcart, amministratore delegato di WhatsApp, la società di sorveglianza israeliana ha sfruttato un difetto dell’app di messaggistica per “infettare” smartphone e altri dispositivi mobili delle vittime con un malware, che ha permesso ai suoi clienti di spiarli segretamente. “Ciò che è accaduto dovrebbe servire come campanello d’allarme per le aziende tecnologiche, i governi e tutti gli utenti di Internet”, ha scritto Cathcart sul Washington Post. “La proliferazione di questa tecnologia nelle mani di aziende e governi irresponsabili mette tutti noi a rischio”.

Lo scorso anno la compagnia israeliana, con sede a Herzliya, era stata accusata di aver venduto un software spia ad Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti per intercettare le telefonate dell’allora primo ministro libanese, Saad Hariri.

Il gruppo NSO ha sempre affermato in passato di aver venduto il proprio software a condizione che venga utilizzato solo contro il crimine organizzato e il terrorismo, negando ogni responsabilità su un suo eventuale utilizzo per violare i diritti civili da parte di governi stranieri.

Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti non riconoscono Israele, ma i due paesi sembrano intrattenere forti legami dietro le quinte con lo Stato ebraico. Poiché Israele considera qualsiasi software di sorveglianza come un’arma, il gruppo NSO e le sue affiliate potrebbero averlo venduto ai due Paesi arabi solo con l’approvazione del ministero della Difesa israeliano.

Facebook avvertirà se i politici pubblicano fake news
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Esteri / Il precedente Eagleton: quando il senatore democratico rinunciò alla corsa alla vicepresidenza degli Usa
Esteri / Altri quattro anni? Cosa succederebbe se Joe Biden vincesse le elezioni presidenziali negli Stati Uniti
Esteri / Reportage TPI – Così il turismo si è mangiato il Costa Rica
Esteri / Iran: Usa condannati a pagare quasi 6,8 mld dlr per gli effetti delle sanzioni sui pazienti affetti da una malattia rara
Esteri / Orban incontra Trump: “Abbiamo discusso di pace: risolverà tutto lui” | VIDEO
Esteri / Nuova gaffe di Biden, al vertice Nato presenta Zelensky chiamandolo Putin
Esteri / Gaza: 32 morti in 70 raid dell'Idf. Media: "4 operatori umanitari stranieri uccisi in un raid a Rafah". Biden assicura: "Progressi verso un accordo di tregua". Media: "Passi avanti sulla riapertura del valico di Rafah". Ma l'ufficio di Netanyahu smentisce: “Nessun ritiro delle truppe dal confine". Hamas vuole una garanzia scritta che la guerra non riprenderà dopo la liberazione degli ostaggi. Il 19 luglio la Corte de L'Aja si pronuncerà sulle conseguenze giuridiche dell'occupazione dei Territori palestinesi