Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:16
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

“A tavola non beve per paura di essere avvelenato”: l’ex consigliera di Trump racconta le ossessioni di Putin

Immagine di copertina

L’ex consigliera di Trump racconta le ossessioni di Vladimir Putin

“Non è il superman che immaginiamo”: parola di Fiona Hill, ex consigliera di Donald Trump, che in un libro ha svelato paure e ossessioni del presidente russo Vladimir Putin.

Consigliera nelle amministrazioni di George W.Bush e di Barack Obama e direttrice per l’Europa e la Russia nel Consiglio per la sicurezza nazionale dell’amministrazione Trump, la cremlinologa ha scritto un libro, There is nothing for you here, in cui svela alcuni inediti dello “zar”.

“Non è il superman che immaginiamo. Vive nella sua stessa bolla. È un germofobo” racconta Fiona Hill, che racconta alcune delle paranoie del russo.

Nel corso di un pranzo, ad esempio, la cremlinologa racconta che Putin in quell’occasione non ha bevuto neanche un sorso d’acqua.

“Alcuni dei suoi oppositori sono stati avvelenati sciogliendo il polonio proprio nel tè” ha ricordato la donna. “Sempre in quell’occasione notai come avesse davanti un foglio di carta con appunti stampati in caratteri inusualmente grandi” ha aggiunto la Hill.

“Putin porta le lenti a contatto, ma non vuole che si sappia, probabilmente perché teme possa trasmettere una sensazione di debolezza all’opinione pubblica”.

Recentemente la Hill aveva avanzato il sospetto che Putin fosse malato: “Non ha un bell’aspetto, ha la faccia piuttosto gonfia. Sappiamo che si è lamentato di avere problemi alla schiena. Potrebbe essere che stia assumendo alte dosi di steroidi, o potrebbe esserci qualcos’altro”.

“Potrebbe avere la sensazione che il tempo stia finendo – ha aggiunto l’ex consigliera di Trump – sono 22 anni, dopo tutto che è al comando, e la probabilità dopo quel tipo di tempo che un leader russo se ne vada volontariamente o attraverso le elezioni è piuttosto sottile. L’unica altra persona che è stata leader russo nei tempi moderni più a lungo di Putin è Stalin, e Stalin è morto in carica”.

Negli ultimi due anni, a causa della pandemia di Covid, Putin ha vissuto isolato, circondato solamente di pochi fedelissimi collaboratori. Persone che, secondo la Hill, “sono molto radicate nella stessa Russia e non penso che siano troppo preoccupate per le sanzioni, perché non sono legate all’Occidente. Per loro la Russia è la fortezza”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Arabia Saudita, giustiziate 7 persone per “terrorismo”
Esteri / Alain Delon, sequestrate 72 armi nella sua casa di campagna
Esteri / Arrestato a Mosca l’avvocato che ha aiutato la madre di Alexei Navalny a riavere il corpo
Ti potrebbe interessare
Esteri / Arabia Saudita, giustiziate 7 persone per “terrorismo”
Esteri / Alain Delon, sequestrate 72 armi nella sua casa di campagna
Esteri / Arrestato a Mosca l’avvocato che ha aiutato la madre di Alexei Navalny a riavere il corpo
Esteri / Trovati morti conduttore tv e il fidanzato steward: arrestato agente di polizia
Esteri / Biennale di Venezia: migliaia di artisti, curatori e direttori di musei chiedono di escludere Israele. Il ministro Sangiuliano: “No agli intolleranti”
Esteri / Francia: sequestrate 72 armi da fuoco ad Alain Delon
Esteri / Russia: l’attivista per i diritti umani Oleg Orlov condannato a 2 anni e 6 mesi di carcere per un post su Fb
Esteri / Principe William diserta una cerimonia importante, “ragioni personali”. Inglesi preoccupati
Esteri / Navalny, la portavoce del dissidente morto in Russia: “Nessuna agenzia funebre disponibile per i funerali”
Esteri / Truppe Nato in Ucraina? La Francia "non esclude nulla" ma la Svezia: "Kiev non l'ha chiesto”