Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:22
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Etiopia, dichiarato lo stato d’emergenza per le proteste

Immagine di copertina

I due gruppi etnici più numerosi del paese protestano da mesi sostenendo che il potere è nelle sole mani di un'altra etnia minore

L’Etiopia ha dichiarato lo stato d’emergenza nazionale in seguito a una serie di proteste anti-governative che si susseguono da mesi indette dai due gruppi etnici più importanti e numerosi del paese.

I gruppi etnici degli Oromo e degli Amhara – che insieme costituiscono circa il 60 per cento della popolazione etiope – protestano da mesi perché sostengono che il potere sia detenuto da una ristretta cerchia di persone appartenente all’etnia numericamente meno popolosa dei Tigre (che rappresenta il solo 6 per cento della popolazione totale).

Le violenze sono aumentate nel corso dell’ultima settimana in Etiopia. Domenica scorsa, il 2 ottobre 2016, almeno 55 persone sono rimaste uccise negli scontri tra la polizia e i manifestanti a un festival organizzato dall’etnia degli Oromo.

Centinaia di persone sono morte negli ultimi mesi di proteste e decine di migliaia di persone sono state arrestate.

Il primo ministro etiope Hailemariam Desalegn ha così ufficialmente dichiarato lo stato d’emergenza, annunciando sulla televisione di stato che rimarrà in vigore per sei mesi.

– LEGGI ANCHE: TUTTO QUELLO CHE C’È DA SAPERE SULLE VIOLENZE CONTRO GLI OROMO IN ETIOPIA, DI CUI NESSUNO PARLA 

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Putin mi ha promesso che non ucciderà Zelensky”: il racconto dell’ex premier israeliano
Esteri / Papa Francesco, concluso il viaggio in Africa: “I cristiani possono cambiare la storia”
Esteri / La Cina minaccia “azioni in risposta” all’abbattimento del pallone spia che sorvolava gli Stati Uniti
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Putin mi ha promesso che non ucciderà Zelensky”: il racconto dell’ex premier israeliano
Esteri / Papa Francesco, concluso il viaggio in Africa: “I cristiani possono cambiare la storia”
Esteri / La Cina minaccia “azioni in risposta” all’abbattimento del pallone spia che sorvolava gli Stati Uniti
Esteri / Nonna si tatua tutto il corpo (tranne il viso): “Orgogliosa di essere una tela vivente”
Esteri / Stati Uniti, abbattuto il pallone-spia cinese. La Difesa: “Sorvegliava siti strategici”
Esteri / La svolta autoritaria di Netanyahu rischia di trasformare Israele in una democratura
Esteri / Dal gas ai fertilizzanti: così la guerra di Putin sconfina nel Sahara
Esteri / Ucraina, Corea, Taiwan, Africa, Medio Oriente: ecco tutte le guerre di cui dovremo preoccuparci nel 2023
Esteri / In Ucraina la strada verso l’escalation è lastricata di armi (di S. Mentana)
Esteri / Furto a luci rosse in Spagna: rubati sex toys placcati in oro 24 carati