Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:23
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Lo scrittore israeliano Etgar Keret: “Sappiamo già che ci sarà un’altra guerra. Israele non sa riconoscere i suoi errori”

Immagine di copertina
Etgar Keret nel 2016. Credit: Stephan Röhl/Flickr

In un commento pubblicato dal Corriere della Sera, lo scrittore critica le scelte di Israele e sostiene: "Tutto continuerà finché non ci sarà un vero cambiamento"

La tensione, i nuovi scontri, i raid aerei e i bombardamenti che si stanno verificando in Medio Oriente erano perfettamente prevedibili e tutto si ripeterà ancora e ancora, finché non arriverà un vero cambiamento nella politica israeliana. A sostenerlo, in un commento a sua firma pubblicato dal Corriere della Sera di oggi, è lo scrittore Etgar Keret, tra i più popolari autori israeliani della nuova generazione, conosciuto in tutto il mondo.

“Anche se nessuno di noi ha gran voglia di capire com’è cominciato questo inferno, in cuor nostro sappiamo tutti come andrà a finire”, scrive Keret. “In risposta alla pioggia di missili letali di Hamas, che ci sta imponendo un doloroso tributo di sangue, abbatteremo altri edifici a Gaza per imporre il tributo anche al nemico e per ripristinare il vacillante meccanismo deterrente, uccideremo altri capi di Hamas che saranno subito sostituiti, e insieme con loro parecchi “non coinvolti”. Il mondo s’indignerà per la morte di civili e bambini palestinesi, noi ribatteremo al mondo che è ipocrita e con noi usa due pesi e due misure, la Corte dell’Aia pretenderà un’indagine, noi pretenderemo che la Corte prima ammetta di essere antisemita e alla fine, quando tutto sarà concluso… ricominceremo tutto di nuovo”.

Per Etgar Keret, la recrudescenza delle violenze tra Israele e Hamas scoppiata in questi giorni è un ciclo che si ripete, e non a caso lo scrittore cita altre operazioni compiute dallo stato di Israele contro Gaza e Hamas negli ultimi anni: Margine Protettivo (2014), Pilastro di difesa (2012) e Piombo fuso (2008). Uno scenario che ora si ripete e che, secondo Keret: “probabilmente si ripresenterà fra uno o due anni”.

Lo scrittore cita “le tensioni, i disordini, l’ingovernabilità e il senso di discriminazione presenti” nelle città israeliane di Lod, Giaffa e Gerusalemme Est, dove in questi giorni si è assistito alle rivolte di cittadini arabi israeliani. “Le scene spaventose avvenute in quelle città, assolutamente esecrabili hanno radici profonde e non si possono affrontare solo con i deterrenti e la forza”, scrive Etgar Keret.

Qual è dunque la via d’uscita da questo circolo vizioso di violenza e distruzione? Per lo scrittore, che non è tenero nel giudicare gli errori nel mondo politico e nella reazione militare di Israele, “in un Paese normale prenderemmo atto che è necessario un cambiamento, e che proprio la creazione di un governo che includa un partito arabo potrà costituire il primo vero tentativo condiviso di risolvere il problema con gli arabi israeliani, invece che per loro. Ma noi non siamo un Paese normale, né un Paese disposto a riconoscere i propri errori. Cosa importa”, conclude Etgar Keret, “la prossima volta ci andremo giù pesante, ma pesante davvero, e metteremo fine a questa storia una volta per tutte”.

Leggi anche: 1.Gaza brucia ancora, pioggia di bombe nella notte: “Muoiono anche i bambini” /2. Conflitto tra Israele e Hamas, Unicef: “Sono i bambini di Gaza a pagare il prezzo più alto: 9 morti e 43 feriti” /3. È guerra tra Israele e Hamas: pioggia di razzi su Tel Aviv e Gaza. Morte 2 donne israeliane e 28 palestinesi / 4. “Una nuova catastrofe”: com’è iniziato il peggior conflitto degli ultimi anni tra Israele e Gaza

Ti potrebbe interessare
Esteri / Crisi umanitaria in Etiopia: raid contro un mercato nel Tigray, decine di vittime
Esteri / Mar Nero, russi sparano colpi di avvertimento contro una nave britannica
Esteri / Dimentica di essere sposato per via dell'Alzheimer e fa una seconda proposta alla moglie
Ti potrebbe interessare
Esteri / Crisi umanitaria in Etiopia: raid contro un mercato nel Tigray, decine di vittime
Esteri / Mar Nero, russi sparano colpi di avvertimento contro una nave britannica
Esteri / Dimentica di essere sposato per via dell'Alzheimer e fa una seconda proposta alla moglie
Esteri / Von der Leyen contro la legge ungherese anti-Lgbt: “È una vergogna”
Esteri / Hong Kong: dopo gli arresti chiude l’Apple Daily, principale quotidiano pro-democrazia
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti