Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 10:36
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

È scoppiata un’epidemia di febbre gialla in Congo

Immagine di copertina

Sono stati confermati quasi 70 casi e ora si teme che i vaccini non bastino per immunizzare la popolazione e fermare il contagio nelle areee più densamente popolate

La Repubblica Democratica del Congo ha dichiarato un’epidemia di febbre gialla in tre province inclusa quella della capitale Kinshasa, dopo aver confermato 67 casi, mentre altri mille sono sotto osservazione.

Il ministro della Salute Felix Kabange ha riferito che sette dei casi comprovati sono autoctoni mentre 58 provengono dall’Angola, dove è originariamente esploso il focolaio. Altri due casi provengono da remote aree forestali. Almeno cinque persone sono morte.

“Dichiaro oggi un’epidemia di febbre gialla localizzata nelle province di Kinshasa, Kongo Centrale e Kwango”, ha dichiarato Kabange durante una conferenza stampa.

Kinshasa è la preoccupazione principale degli operatori sanitari, perché ha una popolazione di oltre 12 milioni di persone e dispone di infrastrutture mediche inadeguate.

La febbre gialla è trasmessa dalle stesse zanzare che diffondono il virus Zika e la dengue, ma è una malattia molto più grave. L’aggettivo giallo si riferisce all’itterizia che colpisce alcuni pazienti.

Le riserve mondiali di vaccini contro la febbre gialla sono già state intaccate due volte quest’anno per immunizzare le popolazioni di Angola, Uganda e Congo. 

Quasi 18 milioni di dosi sono state distribuite per campagne di vaccinazione di emergenza nei tre paesi. Attualmente, occorre un anno per la produzione del vaccino.

Al momento sono disponibili solo 6 milioni di dosi, e potrebbero non essere abbastanza se scoppiano più focolai contemporaneamente in aree densamente popolate.

L’Organizzazione mondiale della sanità raccomanda l’assunzione di un quinto della dose standard del vaccino, utile a immunizzare temporaneamente il soggetto.

I produttori del vaccino includono l’Istituto Pasteur, produttori governativi in Brasile e Russia e la società farmaceutica francese Sanofi.

L’epidemia in Congo partita in Gennaio arriva in un momento caratterizzato da tensioni politiche collegate alle prossime elezioni presidenziali e da una crisi economica causata dal crollo dei prezzi delle materie prime che mettono in crisi la fragile stabilità del paese.

Il presidente Joseph Kabila è contrastato da un’opposizione che diventa a volte violenta in quanto teme possa tentare di mantenere il potere dopo la scadenza del suo mandato a fine anno.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Ti potrebbe interessare
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte
Esteri / Scudo spaziale, battaglione da 5.000 unità, cooperazione con la Nato: come sarà l’esercito europeo
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese