Covid ultime 24h
casi +28.352
deceduti +827
tamponi +222.803
terapie intensive -64

Elezioni Usa 2020, i programmi di Trump e Biden a confronto

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 2 Nov. 2020 alle 19:49 Aggiornato il 3 Nov. 2020 alle 00:57
1
Immagine di copertina

USA 2020 PROGRAMMI – Con l’avvicinarsi dell’Election day del 3 novembre (QUI LA GUIDA) che deciderà il nome del prossimo presidente degli Stati Uniti, la lente d’ingrandimento va ai programmi proposti dal candidato repubblicano, l’attuale presidente Donald Trump, e il suo sfidante democratico Joe Biden.

SEGUI LA NOTTE ELETTORALE CON LA MARATONA DI TPI LIVE SULLA PAGINA FACEBOOK E YOUTUBE

La proposta di Trump su Coronavirus e sanità

Sul tema centrale dell’attualità mondiale, ovvero il Coronavirus, Trump ha sempre ribadito di essere contrario all’obbligo di mascherine e vuole lasciare ai singoli Stati la decisione su come e quando usarle. Anche sui test diagnostici delega tutto ai singoli Stati. Il presidente ha parlato anche di una prossima uscita dall’Organizzazione mondiale della Sanità ed è contrario alla riforma sanitaria firmata da Barack Obama, di cui ha chiesto alla Corte Suprema la cessazione, senza però presentare un piano alternativo.

Il programma repubblicano su tasse, politica interna e internazionale

Forse l’unico punto su cui i due candidati si trovano d’accordo nei loro programmi è l’innalzamento del salario minimo a 15 dollari l’ora per tutti i lavoratori americani. Per quanto riguarda la politica interna, Trump si è più volte schierato a favore della pena di morte, della privatizzazione delle carceri e della libertà su cauzione. Sulla politica estera, invece, l’inquilino della Casa Bianca ha inasprito le relazioni con Cuba vietando i viaggi privati, vorrebbe continuare a sostenere il ruolo dell’Arabia Saudita nel conflitto Yemenita, sostiene gli accordi raggiunti tra Israele e gli Emirati Arabi durante il suo mandato, così come il ritiro delle truppe Usa dall’Afghanistan.

La proposta di Biden su Coronavirus e sanità

Nel programma del candidato democratico ci sono posizioni diametralmente opposte a quelle di Trump, soprattutto sul tema coronavirus. Biden vuole imporre le mascherine a livello nazionale, così come vorrebbe gestire la diagnostica a livello centrale e aumentare il numero di tamponi fatti nel Paese. Lo sfidante dem è, inoltre, favorevolissimo all’Obamacare di cui vorrebbe portare avanti il progetto e ritratterebbe sull’uscita dall’Oms se dovesse essere eletto.

SEGUI LA NOTTE ELETTORALE CON LA MARATONA DI TPI LIVE SULLA PAGINA FACEBOOK E YOUTUBE

Il programma democratico su tasse, politica interna e internazionale

In ambito economico, il candidato democratico vorrebbe delle penali per le aziende che delocalizzano produzione o servizi per poi venderli sul mercato domestico, così come vuole dare un peso maggiore alle spese per limitare l’impatto della crisi climatica. Biden, inoltre, ha promesso che non aumenterà le tasse per chi guadagna meno di 400mila dollari l’anno. È da sempre contrario alla pena di morte, così come alla privatizzazione delle carceri e alla libertà su cauzione, che vorrebbe eliminare perché causa di disparità di trattamento in base al ceto. Infine, sulla politica internazionale Biden è per terminare l’intervento in Yemen, ma è sulla stessa linea d’onda di Trump sull’Afghanistan e sui trattati Israele-Emirati Arabi.

Le posizioni dei due sfidanti sul clima

Un tema su cui i due candidati sono stati spesso chiamati a rispondere durante i loro confronti è quello del clima: Donald Trump non crede alla crisi climatica e anzi, tra i suoi progetti c’è l’addio agli Accordi sul Clima di Parigi per la diminuzione delle emissioni di Co2. Completamente opposta la posizion di Joe Biden, che crede alla crisi del clima e infatti propone un Green New Deal sull’ambiente da 2 miliardi di dollari per ridurre le emissioni di anidride carbonica.

SEGUI LA NOTTE ELETTORALE CON LA MARATONA DI TPI LIVE SULLA PAGINA FACEBOOK E YOUTUBE

TPI SPECIALE ELEZIONI USA 2020

Leggi anche: Ecco perché queste saranno le elezioni più importanti della storia americana

Qui i reportage sul campo di TPI dell’inviato negli Usa Pietro Guastamacchia:
1. Viaggio nel Bronx: “Io, repubblicano italo-irlandese, voglio sconfiggere Ocasio-Cortez e il suo socialismo”
2. “La polizia ci spara addosso, l’America capitalista ci sfrutta. Ora noi neri spacchiamo tutto”: reportage da Philadelphia
3. Viaggio in Pennsylvania: “Qui ci si gioca tutto. Se Biden vince, sarà presidente”

1
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.