Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:41
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Elezioni presidenziali in Tunisia, ballottaggio tra Saied e Karoui

Immagine di copertina

Elezioni presidenziali in Tunisia, ballottaggio tra Saied e Karoui

I cittadini tunisini sono chiamati al voto per eleggere al ballottaggio il presidente della Repubblica. Si tratta della seconda elezione a suffragio universale diretto del presidente della Repubblica nella storia del paese.

I seggi sono aperti oggi domenica 13 ottobre dalle 8 (le 9 in italia) alle 18 (19 ora italiana).

La sfida è tra il giurista conservatore indipendente Kaies Saied (61 anni) ed il magnate populista Nabil Karoui (56 anni), che al primo turno totalizzarono rispettivamente il 18,4% delle preferenze e il 15,58%. Ennhadha, Ettayar, la coalizione islamista Al Karama e decine di liste indipendenti hanno annunciato il loro sostegno al conservatore Saied, mentre a Karoui spetta il difficile compito di unire le diverse anime progressiste del Paese. Il vero ago della bilancia lo faranno gli indecisi e il fattore astensionismo. Primi exit poll a partire dalle ore 20 (le 21 in Italia). I risultati ufficiali saranno resi pubblici entro 24-48 ore.

Il primo turno si era tenuto domenica 15 settembre, ma nessuno dei candidati era riuscito a conquistare la maggioranza assoluta dei voti. Le elezioni sono state convocate in seguito alla morte del Presidente Beji Caid Essebsi, lo scorso 27 giugno 2019.

Nabil Karoui, 56 anni, è un uomo d’affari che si occupa soprattutto di telecomunicazioni e attualmente si trova in carcere accusato di riciclaggio di denaro. Candidato antisistema, il “Berlusconi tunisino”, come lo chiama qualcuno, è dato come favorito dagli ultimi sondaggi.

Il suo avversario, Kaïs Saïed, è un candidato indipendente, professore universitario di diritto costituzionale. Ha 61 anni e anche la sua è una candidatura antisistema, che propone la trasformazione dell’Assemblea Nazionale e promette che non risiederà nella residenza presidenziale di Cartagine. Favorevole alla pena di morte e molto conservatore su diverse questioni, come l’omosessualità, ha un elettorato relativamente giovane, che vede in lui l’integrità che manca a molta classe dirigente tunisina.

Queste sono le seconde elezioni libere e democratiche in Tunisia dopo il 2011. Le prime si sono svolte dopo l’ondata delle primavere arabe che hanno coinvolto quasi tutto il nord Africa e hanno destituito il precedente presidente-dittatore Ben Ali, in carica ininterrottamente dal 1987.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg
Esteri / L’incredibile storia dell’ospite indesiderato del New Yorker Hotel
Esteri / Da Gaza a Taiwan, Francesco Maringiò a TPI: “Vi spiego com’è il mondo visto dalla Cina”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg
Esteri / L’incredibile storia dell’ospite indesiderato del New Yorker Hotel
Esteri / Da Gaza a Taiwan, Francesco Maringiò a TPI: “Vi spiego com’è il mondo visto dalla Cina”
Esteri / Reportage TPI: Belfast è lo specchio del conflitto in Medio Oriente
Esteri / L’eterno conflitto tra Israele e Palestina in Medio Oriente
Esteri / Nessuno vuole davvero scaricare Putin: il sospetto di Zelensky che spaventa gli Usa
Esteri / La macchina da guerra dell’intelligenza artificiale che ha aiutato Israele a distruggere Gaza
Esteri / Ilaria Salis è libera, tolto il braccialetto elettronico
Esteri / Gaza: 37.266 vittime dal 7 ottobre. Msf: "7 morti, compresi 3 bambini, in un raid di Israele nel nord di Gaza". Hamas: “Nessuno sa quanti ostaggi siano ancora vivi”. Libano, raid dell’Idf: “1 morto e 7 civili feriti”. Il premier libanese Mikati: "Attacco terroristico". Hezbollah lancia razzi sul nord dello Stato ebraico. Media: "Idf propongono di rinunciare a Rafah e concentrarsi sul Libano"
Esteri / Russia: il giornalista del Wsj Evan Gershkovich è stato incriminato per spionaggio