Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:36
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il secondo turno delle elezioni parlamentari in Iran

Immagine di copertina

31 sarebbero finora i seggi conquistati dai riformisti, 20 dai candidati indipendenti e 6 dai conservatori, e 11 ancora da assegnare

I candidati riformisti alleati del presidente Hassan Rouhani, hanno guadagnato un buon numero di seggi in parlamento, uscendo più forti dal secondo turno delle elezioni parlamentari in Iran. Il 29 aprile si è svolto infatti il secondo turno delle elezioni per rinnovare il Majlis, l’assemblea parlamentare. 

Tuttavia appare improbabile che riusciranno ad aggiudicarsi la maggioranza assoluta. Il prossimo parlamento iraniano sarà più vicino a Rouhani dunque, anche se i conservatori rimangono comunque una forza di potere. 

I seggi non ancora assegnati erano 68. In tutto i deputati sono 290, da eleggere in collegi uninominali. 

Secondo l’agenzia di stampa Isna, 31 sarebbero finora i seggi conquistati dai riformisti, 20 dai candidati indipendenti e 6 dai conservatori, e 11 ancora da assegnare. Si attendono i risultati definitivi, che devono essere approvati del Consiglio dei Guardiani, un organismo di religiosi e giuristi vicini all’Ayatollah Ali Khamenei.

Se questi risultati verranno confermati, né i moderati né i conservatori avranno la maggioranza assoluta nel prossimo parlamento, che terrà la seduta inaugurale il prossimo 27 maggio. L’equilibrio di potere sarà determinato dagli indipendenti.

Al primo turno i moderati avevano ottenuto circa 90 seggi, i conservatori 112 e gli indipendenti 29. 

I conservatori continueranno comunque a esercitare il potere attraverso una serie di organismi non eletti del sistema politico iraniano, tra cui la magistratura, il Consiglio dei Guardiani, e vari ambiti delle forze di sicurezza.

Rouhani, che è salito al potere nel 2013 con l’impegno di porre fine all’isolamento internazionale dell’Iran, ha visto il suo sostegno aumentare notevolmente dopo il raggiungimento dell’accordo sul nucleare, che ha portato alla revoca delle sanzioni internazionali nel mese di gennaio 2016.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “I vaccinati causano infertilità e aborti”: i no-mask pensano addirittura di usare la mascherina
Esteri / In Cambogia migliaia di persone sono rimaste senza cibo e medicine a causa del lockdown
Esteri / Iran, ragazzo di 20 anni decapitato dai suoi familiari perché gay
Ti potrebbe interessare
Esteri / “I vaccinati causano infertilità e aborti”: i no-mask pensano addirittura di usare la mascherina
Esteri / In Cambogia migliaia di persone sono rimaste senza cibo e medicine a causa del lockdown
Esteri / Iran, ragazzo di 20 anni decapitato dai suoi familiari perché gay
Esteri / L’uomo con 151 figli e 16 mogli: “Il mio lavoro è soddisfarle sessualmente”
Esteri / L’ex miss Myanmar si unisce alla lotta contro la dittatura militare: “Combatto per il mio Paese”
Esteri / David Grossman: “Il dialogo è fallito, la violenza fra arabi ed ebrei spezza il sogno della coesistenza”
Esteri / Trascinato dall’auto e lasciato agonizzante a terra: il “linciaggio” di un uomo accusato di essere palestinese
Esteri / Regno Unito, bambino di 9 anni colpito da un fulmine muore in campo
Esteri / L'indifferenza dell'Europa, le follie di Trump: ecco le vere colpe nel dramma di Gaza e del Mediterraneo (di Alberto Negri)
Esteri / Gaza-Israele: 90 vittime e 487 feriti. Biden difende gli israeliani