Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Le elezioni in Azerbaigian

Immagine di copertina

La vittoria del partito al governo è scontata. L'opposizione e diverse Ong hanno accusato il governo di aver limitato la liberà di espressione

Domenica primo novembre 2015 si sono svolte le elezioni parlamentari in Azerbaigian per rinnovare il parlamento, composto da 125 seggi. Sono circa 5,2 milioni i cittadini aventi diritto al voto.

I primi exit poll assegnerebbero, come ampiamente previsto, una vittoria schiacciante al partito Yeni Azerbaijan (Nuovo Azerbaigian), guidato dal presidente in carica Ilham Aliyev, di 54 anni, al potere dal 2003.

Alcuni membri dell’opposizione avrebbero boicottato le elezioni presidenziali accusando il governo di aver arrestato molti di coloro che si esprimevano in modo critico nei confronti dell’operato del capo di stato. 

Quattro ore prima della chiusura dei seggi il principale partito di opposizione, Musavat (Partito uguaglianza) avrebbe annunciato il suo ritiro dalle elezioni.

I leader Arif Hajili, di 53 anni, ha affermato che il suo partito “aveva richiesto alle autorità di creare condizioni democratiche e di uguali opportunità per tutte le forze politiche”. Secondo quanto dichiarato da Hajili, solo 24 dei 73 candidati nominati dall’opposizione sarebbero potuti andare a votare. 

Per la prima volta dall’indipendenza del Paese, avvenuta nel 1991 con la caduta dell’Unione sovietica, l’Osce, un’organizzazione internazionale per la promozione della pace e per il dialogo politico, non ha monitorato le elezioni in Azerbaigian.

Un funzionario dell’Osce, Isabel Santos, aveva affermato martedì 27 ottobre 2015 che “il governo azero ha inasprito il trattamento verso i politici indipendenti e critici, danneggiando le future elezioni parlamentari del primo novembre”.

Anche l’Ong Amnesty Interntional ha protestato contro il governo di Baku descrivendo lo svolgimento delle elezioni come un “grave attacco” alla libertà di espressione. Le autorità azere hanno dichiarato queste critiche come “infondate”. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane
Esteri / Dalla conversione all’Islam ai precedenti: chi è l’attentatore di Kongsberg armato di arco e frecce