Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Elezioni presidenziali in Argentina 2019, verso la vittoria del peronista Alberto Fernandez

Immagine di copertina
Foto dalla pagina Facebook di Alberto Fernandez

I media anticipano il successo del candidato oppositore peronista di centrosinistra

Elezioni presidenziali in Argentina 2019, verso la vittoria di Alberto Fernandez

Le tv argentine all-news di tutte le tendenze anticipano a fine pomeriggio, senza fornire cifre, un'”ampia vittoria del candidato oppositore peronista di centrosinistra Alberto Fernandez” nelle presidenziali che si sono svolte ieri, domenica 27 ottobre, in tutto il Paese. Il dato è stato fornito dai sondaggi realizzati all’uscita dei seggi. Le stesse emittenti televisive segnalano “una grande euforia alla sede dell’opposizione peronista di ‘Tutti per il cambiamento'”.

La stessa forte tendenza a favore dell’opposizione, dicono le tv, emerge ufficiosamente anche per la provincia di Buenos Aires, che rappresenta quasi un terzo dell’elettorato, dove il vincitore sarebbe il giovane economista Axel Kicillof.

Elezioni presidenziali in Argentina 2019, il peronista Fernandez in vantaggio nei sondaggi

L’affluenza alle urne nella cruciale giornata delle elezioni presidenziali “è stata di oltre l’80 per cento”, come dichiarato in una breve conferenza stampa dal ministro dell’Interno argentino Rogelio Frigerio.

Il ministro ha aggiunto che la cifra “è superiore a quella registrata nelle primarie (‘Pasos’) in cui l’11 agosto scorso l’opposizione peronista di centro-sinistra guidata per la presidenza da Alberto Fernandez e Cristina Fernandez de Kirchner ha sconfitto per oltre 16 punti percentuali il presidente di centro destra Mauricio Macri, accompagnato dal peronista Miguel Angel Pichetto.

Fernandez, candidato del ‘Fronte di tutti’, entrerà il 10 dicembre nella Casa Rosada di Buenos Aires per un periodo di quattro anni, avvicendandosi all’uscente Mauricio Macri. Avrà come vice l’ex presidente Cristina Fernandez de Kirchner.

Il suo primo compito sarà quello di adottare misure urgenti per contrastare la grave crisi sociale, economica e finanziaria. Nel 2019 l’Argentina avrà una recessione del 2,7 per cento e un’inflazione di quasi il 60 per cento. La disoccupazione ufficialmente è al 10,6 per cento, la più alta degli ultimi 12 anni.

Fernandez dopo aver votato a Buenos Aires ha invitato la popolazione “ad affrontare con serenità i tempi che verranno”, in cui sarà necessario mettere mano a misure per affrontare la crisi.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Ti potrebbe interessare
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Esteri / Nuovi raid su Gaza, tre razzi lanciati dalla Siria. Finora 126 morti
Esteri / “I vaccinati causano infertilità e aborti”: i no-mask pensano addirittura di usare la mascherina
Esteri / In Cambogia migliaia di persone sono rimaste senza cibo e medicine a causa del lockdown
Esteri / Iran, ragazzo di 20 anni decapitato dai suoi familiari perché gay
Esteri / L’uomo con 151 figli e 16 mogli: “Il mio lavoro è soddisfarle sessualmente”