Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:53
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Elezioni anticipate in Spagna a novembre: falliscono le consultazioni e salta l’accordo Sanchez-Podemos

Immagine di copertina
Credits: AFP

Elezioni anticipate in Spagna: falliscono le consultazioni con il Re

In Spagna ci saranno di nuovo elezioni anticipate a novembre: il 17 settembre dopo le lunghe consultazioni di tutte le forze politiche, il Re Felipe VI ha constatato che non è possibile formare una maggioranza di governo stabile in grado di guidare il paese e non ha proposto alcun candidato per il ruolo di Primo Ministro.

Lunedì 23 settembre ci sarà lo scioglimento delle Camere e il 10 novembre si avrà un nuovo ritorno alle urne. Il braccio di ferro degli ultimi giorni tra il leader dei socialisti del PSOE Pedro Sanchez e il volto di Podemos Pablo Iglesias non ha portato ad alcun risultato. Sanchez è rimasto rigido sull’ipotesi di offrire i ministeri e gli incarichi richiesti da Podemos e si è mostrato irremovibile anche rispetto all’ultima proposta di Iglesias, che aveva ipotizzato la formazione di una coalizione di governo temporanea per approvare la legge di bilancio.

Dopo l’ultimo rifiuto, il partito di Iglesias ha dunque deciso di negare l’accordo ai socialisti e anche il tentativo di Sanchez di instaurare una nuova alleanza con i popolari di Pablo Casado e Ciudadanos di Albert Rivera è andato fallito.

“Vuol essere primo ministro in cambio di nulla, non credo che questa sia la cosa piu’ ragionevole”, ha commentato la guida di Podemos. Anche il leader socialista ieri sera ha ammesso la sconfitta:  “Il Paese è destinato a tornare al voto il 10 novembre. Il risultato delle consultazioni e’ chiaro: non c’e’ alcuna maggioranza alla camera dei deputati in grado di garantire la formazione di un governo”, ha dichiarato alla stampa.

Saranno le quarte in quattro anni. Il paese è senza governo dal 28 aprile scorso. Il 25 luglio è stata bocciata la fiducia per un possibile governo guidato dal leader del partito socialista Pedro Sanchez con 124 voti a favore, 155 contrari e 67 astensioni.

Elezioni Spagna, bocciata la fiducia a Sanchez: Podemos si astiene

Spagna: bocciata la fiducia a Sanchez. Nuova votazione il 25 luglio

Ti potrebbe interessare
Esteri / A San Marino l’aborto è diventato legale
Esteri / Elezioni Germania, crolla la Cdu. Spd avanti: per governare serve l'accordo con Verdi e Liberali
Esteri / Elezioni in Germania, proiezioni: Spd in leggero vantaggio sulla Cdu
Ti potrebbe interessare
Esteri / A San Marino l’aborto è diventato legale
Esteri / Elezioni Germania, crolla la Cdu. Spd avanti: per governare serve l'accordo con Verdi e Liberali
Esteri / Elezioni in Germania, proiezioni: Spd in leggero vantaggio sulla Cdu
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”