Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:14
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La prima azienda in Egitto che concede alle donne un giorno di ferie per il ciclo mestruale

Immagine di copertina

Le dipendenti di Shark and Shrimp, un’agenzia di marketing con sede al Cairo possono restare a casa durante il periodo del ciclo mestruale.

È la prima azienda in tutto l’Egitto a concedere un giorno di ferie retribuito ogni mese nella settimana delle mestruazioni. Le donne che decideranno di usufruire della giornata off non dovranno neanche consegnare certificati medici che attestino il ciclo mestruale in corso.

“Inizialmente i dipendenti sono rimasti scioccati perché non è normale parlare liberamente di questo problema qui nel Medio Oriente e nella regione del Nord Africa”, ha spiegato Rania Youssef, responsabile delle risorse umane dell’azienda.

“Sta alle dipendenti scegliere quale giorno del loro periodo verra tolto”, ha aggiunto a The Independent.

“Ci fidiamo al cento per cento dei nostri dipendenti e sappiamo che non abuseranno di questa possibilità”.

L’amministratore delegato dell’azienda, Mohamed Naiem, ha deciso di introdurre questa politica aziendale dopo aver letto alcuni articoli medici che affrontavano il tema dei dolori mestruali.

Diverse associazioni di donne chiedevano giorni di ferie pagati durante il ciclo. La decisione dell’azienda Shark and Shrimp è arrivato dopo la proposta di un gruppo di giornaliste egiziane che hanno lanciato diverse campagne in Egitto per promuovere il congedo mestruale alle donne.

Il congedo mestruale è riconosciuto in paesi come Giappone, Corea del Sud, Taiwan, Indonesia e Zambia. Nella Corea del Sud le donne possono avere diritto a una retribuzione aggiuntiva se non utilizzano il congedo mestruale a cui hanno diritto.

L’Italia ha tentato di introdurre una legge simile l’anno scorso, ma non è riuscita a passare.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue