Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:51
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

L’Isis ha bruciato vive 19 donne yazide in Iraq

Immagine di copertina

Le ragazze sono state giustiziate nel centro di Mosul davanti a centinaia di spettatori per essersi rifiutate di concedersi ai miliziani del gruppo estremista

L’agenzia di stampa curda indipendente ARA News ha reso noto che l’Isis ha giustiziato 19 ragazze yazide a Mosul, in Iraq, giovedì 2 giugno 2016.

Le vittime, che erano state rapite dai miliziani jihadisti per farne delle schiave sessuali, sono state messe in delle gabbie nel centro di Mosul e bruciate vive di fronte a centinaia di persone costrette a guardare senza poter fare niente per salvarle.

Un attivista locale ha riferito ad ARA News che le ragazze sono state punite per essersi rifiutate di concedersi ai miliziani dell’Isis.

Nell’agosto del 2014, il gruppo estremista ha preso il controllo della regione yazida di Shingle nel nord dell’Iraq, causando un fiume di quasi 400mila sfollati che si sono riversati a Duhok e Irbil, nel Kurdistan iracheno. Decine di migliaia erano rimasti intrappolati sul monte Sinjar ed erano stati vittima di massacri, rapimenti e violenze sessuali. Oltre tremila donne e ragazze yazide erano state rapite dai miliziani per farne schiave sessuali. 

Nel novembre 2015, i peshmerga curdi sostenuti dalla coalizione guidata dagli Stati Uniti avevano liberato l’area ma migliaia di donne e ragazze yazide rimangono nelle mani dei miliziani a cui sono state vendute in Siria e Iraq, e subiscono violenze e abusi quotidiani.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Twitter cancella 1,5 miliardi di profili ed Elton John lascia il social: “Mi rattrista la disinformazione che fa”
Esteri / Putin: “Raggiungere un accordo sull’Ucraina è inevitabile”
Esteri / Usa-Russia, oggi vertice a Istanbul dopo lo scambio di prigionieri. Il Cremlino: “Le relazioni non sono migliorate”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Twitter cancella 1,5 miliardi di profili ed Elton John lascia il social: “Mi rattrista la disinformazione che fa”
Esteri / Putin: “Raggiungere un accordo sull’Ucraina è inevitabile”
Esteri / Usa-Russia, oggi vertice a Istanbul dopo lo scambio di prigionieri. Il Cremlino: “Le relazioni non sono migliorate”
Esteri / Corruzione dal Qatar: fermati quattro italiani tra cui l’ex deputato Pd Panzeri. Indagata pure la vicepresidente del Parlamento Ue
Esteri / Putin: “L’Occidente usa il popolo ucraino come carne da macello. Kiev è su un percorso suicida“
Esteri / Fenomeno Corea: ecco perché i fan del pop sudcoreano stanno dilagando anche in Occidente
Esteri / Cina: ecco come funzionerà il nuovo sistema di credito sociale
Esteri / Italia, Giappone e Regno Unito sviluppano un nuovo aereo da guerra: sarà più potente degli F-35
Esteri / Proteste in Iran, la denuncia dei medici: “Le donne vengono colpite al volto, al seno e ai genitali”
Esteri / L’Europa si appresta a varare le regole sull’idrogeno verde: ecco perché le lobby sono già in agitazione