Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:13
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Donna uccisa e fatta a pezzi dal compagno per gelosia: condannato a 63 anni di carcere

Immagine di copertina

Donna uccisa e fatta a pezzi dal compagno: condannato a 63 anni di carcere

Erano partner in affari e nella vita privata, ma è stato quell’amore a rovinarla. Jenny Londono, una ragazza di 31 anni, è stata uccisa e poi fatta a pezzi dal compagno, Raphael Lolos, con il quale gestiva il Luna Lounge, un locale a Englewood, nel New Jersey. La loro storia d’amore era iniziata nel 2016 ma, un anno dopo, Lolos ha iniziato a sospettare che Jenny avesse un altro uomo e che lo stesse tradendo. Paranoia e ossessione l’hanno poi spinto a piazzare un dispositivo di localizzazione sull’auto della ragazza e a spiare ogni suo movimento.

Jenny voleva mettere fine a quella storia che era diventata soltanto un tormento, ma Raphael Lolos non glielo ha permesso. Il 25 giugno 2017, Jenny ha chiuso il locale per poi dirigersi verso il suo appartamento, ma non è mai arrivata a destinazione. Lolos l’ha sorpresa prima.

Jenny Londono, uccisa e fatta a pezzi dal compagno paranoico

Il giorno della sua scomparsa combacia con un ultimo acquisto tracciato sulla sua carta di credito: sacchi della spazzatura, gli stessi dove poi Lolos avrebbe nascosto il suo cadavere fatto a pezzi e lanciato nel fiume Hudson. I resti sono stati ripescati al largo di un molo di Brooklyn e la polizia è stata costretta a un esame del DNA per accettarsi dell’identità della vittima: il corpo ormai era irriconoscibile. Un dettaglio ha permesso ai parenti di riconoscere Jenny: un tatuaggio sull’anca destra, che rappresentava il nome di una zia defunta della ragazza, scritto in sanscrito.

Quel 25 giugno 2017, il GPS del cellulare di Raphael Lollos lo ha localizzato nella zona dove sono stati abbandonati i resti della fidanzata. L’uomo è stato arrestato e condannato all’ergastolo per omicidio, distruzione di cadavere e stalking. La pena è di 63 anni di carcere, prima di poter beneficiare della libertà condizionale.

Leggi anche:

1. Femminicidio Messina. Il compagno di Lorena: “Mi ha trasmesso il Coronavirus e l’ho uccisa”. Ma il tampone è negativo/ 2. Marianna Manduca denunciò il marito 12 volte ma fu uccisa. Il giudice: “Delitto inevitabile”

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Una storia horror? Vacanza-studio in Italia”, il tweet di Amanda Knox scatena le polemiche
Esteri / Il Papa: “Ogni giorno 7mila bambini muoiono di fame, è uno scandalo”
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Una storia horror? Vacanza-studio in Italia”, il tweet di Amanda Knox scatena le polemiche
Esteri / Il Papa: “Ogni giorno 7mila bambini muoiono di fame, è uno scandalo”
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Esteri / India, 4.300 morti in due mesi per i contagi da fungo nero: “Un’epidemia nella pandemia”
Esteri / Indonesiano positivo al Covid finge di essere la moglie e prende un aereo: scoperto durante il volo
Esteri / Come funziona il Green Pass all’estero: ecco i Paesi dove è obbligatorio e per quali attività
Esteri / Ombre cinesi sul G20 di Napoli: Pechino complica l'accordo sul clima
Esteri / “Chiedono il vaccino ma è troppo tardi”: il racconto del medico che cura i pazienti Covid non vaccinati