Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Uomini che interrompono le donne

Immagine di copertina

C'è un netto predominio da parte degli uomini sulle donne nelle conversazioni. Gli parlano sopra e sminuiscono le loro opinioni con sorprendente regolarità

Gli uomini interrompono le donne, gli parlano sopra e sminuiscono i loro contributi alle discussioni con sorprendente regolarità. Le donne dovrebbero rispondere con frasi come queste. 

“Smetti di interrompermi.”

“L’ho appena detto.”

“Non serve una spiegazione.”

In quinta elementare ho vinto il premio per la buona condotta. In altre parole, ho vinto per la mia educazione. Mio fratello, al contrario, era considerato il pagliaccio della classe. Eravamo accostati alla figura della signorina che si comporta da signorina e del maschio che fa il maschio.

Nel complesso, l’insegnamento della buona educazione durante l’infanzia cambia notevolmente a seconda del genere. Insegniamo alle ragazze a fare a turno, ad ascoltare più attentamente, a non dire parolacce e a resistere alla tentazione di interrompere, tutte cose che non ci aspetteremmo mai dai maschi. Per dirlo in altre parole, generalmente insegniamo alle ragazze abitudini servili e ai ragazzi come dominare.

Mi ritrovo regolarmente in presenza di uomini e donne, e i primi mi interrompono continuamente. Ora che ho deciso di cercare di tener conto di quante volte questo accada, giusto per curiosità, mi sorprende quanto sia frequente. Ho anche notato che è particolarmente comune in presenza di più uomini.

Questa seccante realtà va di pari passo con un’altra: gli uomini evitano il contatto visivo con le donne. Come i camerieri che rivolgono domande e informazioni solamente agli uomini a tavola, o come l’uomo che la scorsa settimana ha finto che io – unica donna di un gruppo di cinque – non fossi presente. Non ci eravamo mai incontrati prima e avevamo a malapena scambiato qualche parola, quindi non poteva essere colpa delle mie opinioni o di qualcosa che avessi detto. 

C’è un terzo modo utilizzato per stabilire il predominio in una conversazione, anche questo basato sull’appartenenza del genere: una donna, parlando chiaramente e a voce alta, può dire qualcosa che nessuno sembra ascoltare, solo per sentire un uomo ripeterla minuti – forse secondi – dopo di lei, suscitando lodi e discussioni di gruppo.

L’articolo originale è stato pubblicato qui. Traduzione a cura di Sabika Shah Povia

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Esteri / Comprò voti per portare le Olimpiadi a Rio de Janeiro: Nuzman condannato a 30 anni di carcere
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Esteri / Comprò voti per portare le Olimpiadi a Rio de Janeiro: Nuzman condannato a 30 anni di carcere
Cronaca / Russia, incidente in una miniera di carbone in Siberia: 52 morti
Esteri / Covid, la nuova variante Omicron è arrivata in Europa: primo caso rilevato in Belgio
Esteri / Dalla Germania alla Cina: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Corea del Nord: condannato a morte per aver importato una copia di Squid Game
Esteri / Le storie dei lavoratori che sfidano Amazon nel giorno del Black Friday
Cronaca / Sudafrica, rilevata nuova variante Covid-19: “Minaccia grave”
Esteri / Iran, uccise la fidanzata a 17 anni: impiccato 25enne. Amnesty: “Ha confessato sotto tortura”