Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il direttore delle comunicazioni della Casa Bianca si è dimesso

Immagine di copertina

Con il nuovo corso dell'amministrazione, Trump dovrebbe rivolgersi più spesso direttamente ai media, diminuendo i briefing quotidiani del portavoce Sean Spicer

Il direttore delle comunicazioni della Casa Bianca, Mike Dubke, si è dimesso dopo soli tre mesi dall’incarico affidatogli dal presidente statunitense Donald Trump.

Nel nuovo assetto dello staff della comunicazione di Trump, il portavoce della Casa Bianca Sean Spicer dovrebbe mantenere il suo ruolo, ma terrà meno briefing con la stampa. Invece lo stesso presidente Trump risponderà maggiormente in prima persona ai giornalisti.

Dubke ha presentato le sue dimissioni il 18 maggio ma, secondo quanto riportato dalla consigliera Kellyanne Conway, avrebbe deciso di continuare a lavorare fino al ritorno di Trump dal suo viaggio tra Medio Oriente ed Europa.

“Ha espresso il suo desiderio di lasciare la Casa Bianca e ha fatto sapere che avrebbe atteso il viaggio internazionale del presidente”, ha detto Conway a Fox News.

L’idea di Trump sembra quella di eliminare il briefing quotidiano del portavoce della Casa Bianca e di tenerne lui stesso uno ogni quindici giorni.

Dubke precedentemente lavorava per il servizio media del partito Repubblicano Crossroads Media e non ha preso parte alla campagna di Trump. Non era inoltre considerato un lealista.

La Casa Bianca non ha ancora indicato il successore di Dubke.

Corey Lewandowski, ex manager della campagna per Trump, potrebbe invece tornare a far parte del team dell’amministrazione statunitense per guidare quella che viene definita una “war room” per contrastare le accuse mosse a Trump per il Russiagate e per le sue relazioni troppo strette con il partner di Mosca. In questa strategia potrebbe rientrare il progetto di impiegare più avvocati per rispondere alle accuse mosse agli esponenti dell’amministrazione.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto
Esteri / L’Iran elegge il nuovo presidente: conservatori pronti a tornare al potere
Ti potrebbe interessare
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto
Esteri / L’Iran elegge il nuovo presidente: conservatori pronti a tornare al potere
Esteri / Usa, il concerto di Bruce Springsteen è vietato a chi si è vaccinato con AstraZeneca
Esteri / Juneteenth, il giorno per ricordare la fine della schiavitù dei neri, diventa festa federale negli Usa
Esteri / Israele presta ai palestinesi oltre un milione di vaccini Pfizer in scadenza
Esteri / Schiavitù infantile, Corte Suprema Usa blocca causa contro i giganti del cioccolato
Esteri / La variante Delta spaventa il Regno Unito: mai così tanti casi da febbraio
Esteri / Chi è Lina Khan, la nuova dirigente dell'Antitrust americano che fa tremare le Big Tech
Esteri / Covid, la Cina risponde alle accuse: “Gli scienziati di Wuhan meritano il premio Nobel”