Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:16
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Che ruolo ha avuto Facebook nella vittoria di Trump alle elezioni presidenziali?

Immagine di copertina

Secondo alcuni, contribuendo alla diffusione di notizie false e manipolate in favore di Trump il social network lo ha indirettamente aiutato, ma Zuckerberg nega

Quale ruolo e che influenza ha avuto Facebook sulla vittoria di Donald Trump alle elezioni presidenziali degli Stati Uniti? Non appena la vittoria a sorpresa del candidato repubblicano è diventata una realtà, secondo quanto riportato dal New York Times, i dirigenti di Facebook si sono fatti questa domanda e hanno deciso di discuterne più approfonditamente.

E non solo loro: il più diffuso social network infatti è stato accusato, nei giorni successivi all’Election Day, di aver contribuito alla vittoria di Trump attraverso una serie di notizie false o manipolate che hanno influenzato il modo in cui ha votato l’elettorato americano.

Facebook si è ufficialmente difeso sostenendo di essere una fonte di informazione imparziale, tuttavia molti dirigenti hanno espresso preoccupazione per l’eccessiva diffusione di post e immagini razziste.

Altri si sono chiesti quanto abbia contribuito l’algoritmo dietro al suo funzionamento a isolare l’utente da notizie che sono in contrasto con il suo punto di vista, diventando una “bolla di filtraggio” per le informazioni e rinchiudendolo, appunto, in una bolla ideologica e culturale.

Un altro problema è quello di impedire la diffusione di notizie false: ad esempio la storia falsa di un endorsement di papa Francesco a Donald Trump è stata condivisa milioni di volte, raggiungendo decine di milioni di utenti.

Sempre nei giorni precedenti alle elezioni è circolata in rete una notizia falsa in cui si sosteneva che un agente connesso all’indagine sulle mail della Clinton aveva ucciso la moglie e si era tolto la vita.

Una realtà completamente agli antipodi dell’immagine con la quale Zuckerberg ha voluto che il social network venisse percepito, cioè come un luogo imparziale e libero a disposizione di tutti gli utenti.

Tanto da spingere il fondatore del social network a pubblicare un post con alcune considerazioni personali sulle elezioni: “Il 99 per cento dei contenuti che vedete su Facebook sono autentici, solo una piccolissima parte sono bufale e per questo è totalmente impossibile che abbiano determinato il risultato delle elezioni”.

Zuckerberg ha anche avvertito: “Cercheremo un modo per comunicare alla nostra comunità quali contenuti siano più interessanti, ma sono convinto che dobbiamo noi stessi essere estremamente cauti nel diventare arbitri della verità”.

Le difficoltà che incontra Facebook nel rapportarsi con l’informazione sono bene esemplificate da due casi accaduti quest’anno. A maggio il team di Facebook che seleziona i “trending topics” – gli argomenti di tendenza – è stato accusato di nascondere e censurare storie legate ai conservatori.

A settembre il social network è stato criticato per aver rimosso la foto vincitrice del premio Pulitzer della bambina vietnamita di 9 anni che fugge in lacrime e senza vestiti da un villaggio bombardato con il Napalm: l’automatismo che impone la rimozione dei contenuti con persone nude aveva provocato la rimozione di una foto che denunciava gli orrori della guerra e che non aveva nulla a che fare con la pedopornografia.

Il dibattito è ancora aperto: se è vero che in base a una ricerca del Pew Research Center, circa la metà degli adulti americani si affida a Facebook come principale fonte di informazione, un altro studio americano sostiene che è del tutto inutile provare a influenzare il pensiero altrui su Facebook perché i post che pubblichiamo non influenzano nessuno.

Secondo lo studio condotto da Rantic (azienda che vende pacchetti di nuovi follower e fan per i social media), infatti, su un totale di 10mila utenti intervistati, il 94 per cento dei repubblicani, il 92 per cento dei democratici e l’85 per cento di elettori ‘indipendenti’ hanno dichiarato di non aver mai cambiato opinione in seguito a un post a contenuto politico. 

— LEGGI ANCHE: I POST POLITICI CHE PUBBLICHI SU FACEBOOK NON CAMBIANO L’OPINIONE DI NESSUNO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Aborto, negli Stati Uniti stop in 66 cliniche dopo la sentenza della Corte Suprema
Esteri / Barboncino salta sul telecomando e compra accidentalmente 70 dollari di film per adulti
Esteri / Vladimir Kara-Murza, l’oppositore di Putin incarcerato e accusato di “alto tradimento”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Aborto, negli Stati Uniti stop in 66 cliniche dopo la sentenza della Corte Suprema
Esteri / Barboncino salta sul telecomando e compra accidentalmente 70 dollari di film per adulti
Esteri / Vladimir Kara-Murza, l’oppositore di Putin incarcerato e accusato di “alto tradimento”
Esteri / Russia, la minaccia atomica spaventa le élite militari di Mosca: “Pronti a rovesciare Putin”
Esteri / Parlamento Ue: “Europa prepari risposta in caso di attacco nucleare russo”
Esteri / Il giovane re degli scacchi accusato di aver barato più di 100 volte: forse “guidato con un vibratore”
Esteri / Al via il vertice di Praga: sul tavolo il tetto parziale al prezzo del gas
Esteri / Boom di antidepressivi in Russia dopo la “chiamata alle armi” di Putin: + 120%
Esteri / Forze Ucraina verso Kherson, sul tank russo sventola bandiera bianca. Il video
Esteri / Corea del Nord, nuovo lancio di missili balistici verso Mar del Giappone