Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:22
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Quanto “costa” un voto per farsi eleggere alla Casa Bianca: il confronto delle spese elettorali tra i candidati

Immagine di copertina

Da Bush a Trump, ecco quanto ha speso (in dollari) ogni candidato eletto alla presidenza degli Stati Uniti d'America per un voto

Negli Stati Uniti il candidato che raccoglie più soldi per la campagna elettorale delle presidenziali quasi sempre si aggiudica la vittoria. Ma quanto costa diventare presidente degli Stati Uniti d’America? A provare a rispondere a questa domanda è un articolo pubblicato su Quartz che riporta le spese sostenute dai vari candidati alla Casa Bianca delle ultime elezioni, dividendo queste cifre per il numero di voti ottenuti.

Dai risultati emerge che Donald Trump nel 2016 ha speso 5,8 dollari per ogni elettore,  mentre Barack Obama nel 2012 ha investito il doppio, 12,8 dollari (era arrivato a 13 dollari nel 2008). Quanto a George W. Bush, nel 2004 ogni voto era costato 8 dollari, contro i 5,5 dollari delle elezioni precedenti. Infine, Bill Clinton ha speso appena 4,3 dollari nel 1996 e 4,4 nel 1992.

A un mese dal voto, i due rivali per le presidenziali del 2020 Joe Biden e Donald Trump hanno già speso 350 milioni di dollari a testa per le loro campagna elettorale. A pesare, tuttavia, non è solo quanto investe il singolo candidato, ma anche quanti finanziamenti è in grado di raccogliere, come sottolinea Monica Ricci Sargentini in un articolo sul Corriere della Sera.

Le elezioni presidenziali Usa –  tra le più costose al mondo – avranno quest’anno, secondo i calcoli di Quartz, un costo totale di 10,8 miliardi. Per evitare che il denaro diventi il fattore determinante per la vittoria, alcuni Paesi – come Canada e Francia – hanno deciso di imporre un limite ai fondi che si possono spendere per la campagna elettorale.

Non sempre, tuttavia, la relazione tra denaro e successo è così diretta. Richard Lau, professore di scienze politiche alla Rutgers University, sostiene che possa accadere il contrario: ad attirare più denaro è il candidato che ha più chance di essere eletto.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Ti potrebbe interessare
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan
Esteri / Usa: marito e moglie No vax muoiono di Covid, dicevano che il vaccino è “un attacco ai diritti umani”
Esteri / Usa, il video shock degli agenti che frustano migranti al confine con il Messico
Esteri / La donna che sfida i talebani: “Mentre tutti scappano dall’Afghanistan, io ho scelto di rimanere per lottare”