Coronavirus, mascherine e porno gratis: Pornhub aiuta gli operatori sanitari e i soccorritori di New York

Il noto sito per adulti ha anche comunicato che donerà 50mila euro ad organizzazioni italiane, tedesche e spagnole al fine di reperire attrezzature mediche aggiuntive

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 25 Mar. 2020 alle 16:30
123
Immagine di copertina

Coronavirus, mascherine e porno gratis: così Pornhub aiuta i sanitari di New York

50mila mascherine chirurgiche e porno gratis: così Pornhub, noto sito per adulti, ha deciso di aiutare gli operatori sanitari e i soccorritori di New York, impegnati nella lotta all’epidemia di Coronavirus. L’annuncio era stato fatto dall’azienda nella giornata di ieri, martedì 24, mentre oggi, mercoledì 25 marzo, sono arrivate le prime consegne. 20mila mascherine sono state donate all’ospedale di Mount Sinai, a Manhattan: “Queste maschere a proteggere i nostri infermieri, i medici e il personale di supporto dalle infezioni mentre si prendono cura di coloro che sono colpiti dalla malattia” ha dichiarato il vice presidente dell’ospedale Joe Calderone.

New York in quarantena, Joe Bastianich si filma mentre gira in skateboard: i social lo massacrano

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

Altre 15mila mascherine sono state consegnate al FDNY EMS Local 2507, il sindacato per i paramedici di New York City, i tecnici medici di emergenza e gli ispettori del fuoco, mentre le restanti 15mila sono state donate all’Associazione locale dei pompieri in uniforme 94, che rappresenta i vigili del fuoco FDNY. La società, inoltre, ha aggiunto che donerà 50mila euro per aiutare le organizzazioni in Italia, Germania e Spagna ad aiutare mascherine chirurgiche e attrezzature mediche aggiuntive.

Leggi anche: 1. Coronavirus, Pornhub offre la versione premium gratis a tutti gli italiani: “Forza Italia, we love you” / 2. Coronavirus: porno gratis ai passeggeri in quarantena sulla nave Diamond Princess

123
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.