Covid ultime 24h
casi +15.199
deceduti +127
tamponi +177.848
terapie intensive +56

Coronavirus, lo studio di Harvard: “Più alto è l’inquinamento, maggiore è la letalità del Covid-19”

Di Giulia Angeletti
Pubblicato il 9 Apr. 2020 alle 09:36 Aggiornato il 9 Apr. 2020 alle 10:46
3.2k
Immagine di copertina

Chi vive in aree più inquinate e ha contratto il Coronavirus è soggetto a maggiori rischi di chi, invece, si trova in zone dove l’inquinamento atmosferico è minore. A rivelarlo un nuovo studio che ha messo in relazione il tasso d’inquinamento con quello di letalità del Covid-19: condotta da alcuni ricercatori dell’Università di Harvard, tale analisi è stata realizzata prendendo in esame 3.080 contee negli Stati Uniti e coinvolgendo il 98 per cento della popolazione; ciò che è emerso è che, appunto, a più alti livelli di PM 2.5 corrisponde una più alta mortalità dei pazienti affetti dal pericoloso virus.

“Le contee più inquinate, quindi, “saranno quelle che avranno un numero maggiore di ricoveri, un numero più alto di morti e dove molte delle risorse dovrebbero essere concentrate”, ha confermato Francesca Dominici, professore di Biostatistica e coautrice dello studio di Harvard. La ricerca ha analizzato il numero di cittadini, i posti letto in ospedale, il numero di individui testati, le condizioni meteorologiche e altre variabili socioeconomiche e comportamentali come fumo e obesità, e ha portato alla scoperta del fatto che “un aumento di solo 1 μg/m3 nel PM 2.5 è associato ad un aumento del 15% del tasso di mortalità Covid-19”. Se dunque, prendendo come esempio Manhattan, fossero stati ridotti i livelli di inquinamento atmosferico anche di una sola unità negli ultimi 20 anni, ciò avrebbe risparmiato la vita a circa 248 pazienti affetti dal Coronavirus. Zone altamente inquinate come la Central Valley della California o la contea di Cuyahoga in Ohio, quindi, potrebbero vedere presto una forte incidenza di casi gravi per via dell’infezione da Covid-19.

“I risultati dello studio sottolineano l’importanza di continuare a far rispettare le vigenti normative sull’inquinamento atmosferico per proteggere la salute umana durante e dopo la crisi COVID-19”, osservano i ricercatori dell’università americana, che comunque non è l’unica ad aver realizzato uno studio sugli effetti dell’inquinamento per quanto riguarda una maggiore letalità del virus. D’altronde già in passato altre ricerche avevano dimostrato il fatto che i pazienti affetti da Sars erano soggetti ad una più alta mortalità se residenti nelle aree della Cina più inquinate.

Leggi anche:

1. Coronavirus, studio Usa rivela la data esatta in cui l’Italia avrà zero morti / 2. Coronavirus, lo studio: “I più a rischio nel lungo periodo non sono gli anziani” / 3. Coronavirus, il farmaco che “lo annienta in 48 ore”. Ma solo in laboratorio: lo studio dai ricercatori australiani

3.2k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.