Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:22
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

“Le persone con gruppo sanguigno A sono più vulnerabili al Coronavirus”, lo studio

Immagine di copertina
Credit: Ansa

La ricerca condotta a Wuhan e Shenzhen dimostra che i pazienti con il gruppo sanguigno A hanno un più alto tasso di infezione e tendono ad avere sintomi più gravi. Quelli del tipo O hanno invece un rischio più basso

Le persone con gruppo sanguigno A possono essere più vulnerabili al nuovo Coronavirus, mentre quelli del tipo O sembrano più resistenti. È quanto emerge da uno studio preliminare condotto su pazienti cinesi che hanno contratto il Covid-19.

I ricercatori medici in Cina hanno preso in esame modelli di gruppi sanguigni di oltre 2mila pazienti infetti dal virus a Wuhan e Shenzhen e li hanno confrontati con quelli dei cittadini sani della stessa zona. Gli scienziati hanno scoperto che i pazienti del gruppo sanguigno A mostravano un tasso più elevato di infezione e tendevano a sviluppare sintomi più gravi.

I ricercatori specificando che lo studio è ancora preliminare e che è necessaria un ulteriore verifica, hanno comunque esortato le strutture mediche cinesi a prendere in considerazione le differenze tra i gruppi sanguigni durante la pianificazione di misure di mitigazione o nel trattamento di pazienti contagiati dal Coronavirus.

“Le persone del gruppo sanguigno A potrebbero aver bisogno di una protezione personale particolarmente rafforzata per ridurre la possibilità di infezione”, hanno scritto i ricercatori guidati da Wang Xinghuan del Center for Evidence Based and Translational Medicine presso lo Zhongnan Hospital dell’Università di Wuhan.

“I pazienti con infezione da Sars-CoV-2 con gruppo sanguigno A potrebbero aver bisogno di ricevere una sorveglianza più vigile e un trattamento più aggressivo”, ha scritto Wang. Al contrario, “il gruppo sanguigno 0 presenta invece un rischio più basso nel contrarre il Coronavirus”, secondo un articolo pubblicato su Medrxiv.org dello scorso 11 marzo.

Secondo quanto riporta il South China Morning Post, dei 206 pazienti morti a causa di Covid-19 a Wuhan, 85 avevano sangue di tipo A, che era il 63 per cento in più rispetto ai 52 con tipo 0. Il modello esisteva in diverse fasce di età e sesso.

Lo studio è stato condotto da scienziati e medici provenienti da città di tutta la Cina, tra cui Pechino, Wuhan, Shanghai e Shenzhen. Gli autori dello studio hanno avvertito che potrebbero esserci rischi nell’utilizzare la ricerca per guidare la pratica clinica attuale. Gao Yingdai, un ricercatore del State Key Laboratory of Experimental Hematology di Tianjin, che non era coinvolto nello studio, ha affermato che potrebbe essere migliorato estendendolo su un campione più ampio. Sebbene il campione su 2mila pazienti non fosse del tutto esiguo, è sminuito dal numero totale di pazienti infettati dal Coronavirus a livello globale.

Il biologo austriaco Karl Landsteiner scoprì i principali gruppi sanguigni nel 1901, nominandoli di tipo A, B, AB e O. La scoperta consentì trasfusioni di sangue sicure abbinando i gruppi sanguigni nei pazienti. I gruppi sanguigni variano in una popolazione. Negli Stati Uniti, circa il 44 per cento della popolazione è di tipo O, mentre circa il 41 per cento è di tipo A. A Wuhan, che ha una popolazione di circa 11 milioni, il tipo O è del 32 per cento, mentre A è del 34 per cento tra le persone sane. Tra i pazienti Covid-19, era circa il 38 e il 25 per cento.

Secondo studi passati, la differenza di gruppo sanguigno è stata osservata in altre malattie infettive tra cui il virus Norwalk, l’epatite B e la sindrome respiratoria acuta grave (Sars). Gao al laboratorio di Tianjin ha affermato che il nuovo studio “potrebbe essere utile per i professionisti medici, ma i cittadini comuni non dovrebbero prendere le statistiche troppo sul serio”. “Se sei di tipo A, non è necessario farti prendere dal panico. Ciò non significa che sarai infettato al 100 per cento”, ha specificato. “Se sei di tipo O, non significa nemmeno che sei assolutamente al sicuro. Devi sempre lavarti spesso le mani e seguire le linee guida emesse dalle autorità”.

Coronavirus, Bergamo: così vengono curati i pazienti, stipati anche nei corridoi / VIDEO TPI
Leggi anche: 1. Nuovo modulo autodichiarazione spostamenti 17 marzo 2020/ 2. Psicopandemia: la paura del coronavirus e gli effetti psicologici su tutti noi /
TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Morte Martina Rossi, fuori dal carcere i due condannati
Cronaca / È morta l'ex brigatista Barbara Balzerani, partecipò al sequestro di Aldo Moro
Cronaca / Aborto: Vaticano, “non esiste diritto a sopprimere una vita”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Morte Martina Rossi, fuori dal carcere i due condannati
Cronaca / È morta l'ex brigatista Barbara Balzerani, partecipò al sequestro di Aldo Moro
Cronaca / Aborto: Vaticano, “non esiste diritto a sopprimere una vita”
Cronaca / Pordenone, bambina di 10 anni a scuola col niqab. Maestra le fa scoprire volto
Cronaca / Bolzano. Scia fuoripista, ragazzo di 16 anni travolto e ucciso da una valanga
Cronaca / Le impressionanti immagini della valanga che ha isolato Gressoney
Cronaca / Il Codacons attacca Chiara Ferragni: “Assurdo che parli ancora di fraintendimenti e buona fede”
Cronaca / Caccia ai bagnini per l’estate: “Ci sono 4mila posti vacanti, ma ai giovani non interessa più”
Cronaca / Maltempo sull’Italia, valanghe in Val d’Aosta: paesi isolati e scuole chiuse
Cronaca / Gino Cecchettin: “La parola ‘patriarcato’ ingloba anche un senso del possesso”