Coronavirus, le foto shock dei cadaveri ammassati in stanze vuote dell’ospedale Sinai Grace di Detroit

I corpi sono stati posizionati in aree del pronto soccorso solitamente utilizzate per altri scopi poiché l'obitorio è ormai al collasso

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 14 Apr. 2020 alle 13:27
583
Immagine di copertina

Coronavirus, le foto dei cadaveri ammassati nelle stanze dell’ospedale di Detroit

Stanno facendo il giro del mondo le foto shock mandate in onda della Cnn, che mostrano i cadaveri ammassati nelle stanze vuote di un ospedale di Detroit a causa dell’epidemia di Coronavirus. Le immagini, che l’emittente statunitense ha acquisito da un dipendente del Sinai Grace Hospital, uno degli ospedali più grandi della città di Detroit, mostrano decine di sacchi di cadaveri, posizionati uno sopra l’altro in stanze vuote, che solitamente vengono utilizzate dagli operatori del pronto soccorso per studiare o riposare tra un turno e l’altro.

coronavirus cadaveri detroit

coronavirus cadaveri detroit

Secondo le testimonianze raccolte dalla Cnn, i corpi sono stati ammassati in stanze di fortuna perché l’obitorio dell’ospedale è al collasso a causa delle morti per Covid-19. “Tutto quello che so è che abbiamo finito i letti per i pazienti e non c’era più posto per i corpi” ha raccontato una fonte anonima all’emittente. Secondo quanto emerso, far fronte all’emergenza, il nosocomio è stato costretto a ordinare delle unità esterne refrigerate dove poter posizionare i cadaveri. Dopo le terribili immagini delle fosse comuni di Hart Island, a New York, gli Stati Uniti sono costretti a fare i conti con un’altra dura testimonianza degli sconvolgenti effetti che l’epidemia di Coronavirus sta provocando nel Paese.

Leggi anche: 1. Coronavirus in Olanda: secondo il governo se non si mostrano sintomi dopo 24 ore si è guariti dal Covid-19 / 2. Le ultime notizie sull’epidemia di Coronavirus nel mondo

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

583
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.