Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Le coppie più felici fanno sesso una volta a settimana

Immagine di copertina

Uno studio canadese sostiene che più rapporti sessuali nel corso di una settimana non equivalgono necessariamente a un maggiore grado di benessere

Secondo uno studio canadese, le coppie più felici sono quelle che fanno sesso una volta a settimana. I ricercatori della University of Toronto Mississauga hanno dimostrato che, nelle relazioni consolidate, il grado di felicità non aumenta se sono più numerosi i rapporti sessuali. 

Gli studiosi sono partiti da una semplice domanda suggerita da film e cultura popolare: “È vero che il sesso non è mai abbastanza?” e sono arrivati a un risultato che sembra contraddire le credenze comuni.

Già altre ricerche avevano dimostrato che l’aumento della frequenza di attività non portava a un effettivo aumento della felicità, e anzi poteva avere addirittura effetti negativi. 

Il professore di economia dell’università australiana Monash di Clayton ha provato a spiegare il concetto con un esempio: “È come mangiare un gelato. Ti godi totalmente il primo. Anche il secondo ti piace, ma non come il primo. Puoi anche provare piacere mangiandone un terzo, ma sempre di meno perché sei pieno”. 

“Le persone, fondamentalmente, hanno il numero di rapporti che vogliono avere e per qualche ragione sembra che chi fa sesso circa una volta a settimana sia più contento”, ha commentato George Loewenstein, un professore della Carnegie Mellon University di Pittsburgh, in Pennsylvania, che aveva compiuto una ricerca simile qualche tempo prima.  

Il professor Loewenstein aveva infatti già scoperto che la qualità del rapporto è più importante della frequenza.

In quel caso, i ricercatori di Pittsburgh avevano chiesto a uno dei due gruppi di persone che si erano sottoposti alla ricerca di raddoppiare la frequenza dei rapporti sessuali, mentre al secondo non erano state fornite indicazioni specifiche.

Gli studiosi avevano sottoposto entrambi i gruppi ad alcuni test, prima dell’inizio dell’esperimento pratico, per valutare il livello di felicità di ciascuno, riproponendo le stesse domande alla fine dell’esperimento.

Le coppie a cui era stato chiesto di raddoppiare il numero dei rapporti erano riuscite ad aumentarli di circa il 40 per cento, registrando però più stanchezza e svogliatezza rispetto al solito, e quindi meno felicità.

Lo stesso Loewenstein aveva sottolineato come una situazione artificiale in cui viene imposto dall’esterno quanto sesso fare non fosse un buon metodo per valutare se effettivamente più rapporti potessero abbassare i livelli di felicità.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari