Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Russia: dopo le sconfitte militari, 18 consiglieri municipali russi firmano una petizione contro Putin

Immagine di copertina

Il dissenso contro Putin si è palesato dopo le sconfitte militari subite questa settimana: 18 consiglieri municipali di diversi distretti di Mosca, San Pietroburgo e Kolpino hanno firmato una petizione chiedendo le sue dimissioni. Lo ha postato su Twitter la deputata Ksenia Thorstrom, nel breve testo sopra le firme c’è scritto “Le azioni del presidente Putin sono dannose per il futuro della Russia e dei suoi cittadini”. Insieme alla petizione la deputata aggiunge “se sei un consigliere municipale e vuoi aderire, sei il benvenuto”. Si sono infatti aggiunte ulteriori firme durante la notte, postate sempre sull’account.

Nonostante sia in vigore una legge che può punire con 15 anni di incarcerazione chiunque tenti di contestare l’azione dell’esercito, questa piccola rivolta dei consiglieri non è isolata. Le loro posizioni sono condivise da figure di spicco della cerchia militare del Cremlino, come il leader ceceno, Ramzan Kadyrov, che ha scritto su Telegram: “Se non ci sarà un cambiamento di strategia oggi o domani, dovrò parlare con i vertici del Ministero della Difesa e con la leadership del Paese per spiegare la reale situazione sul campo. È una situazione molto interessante. È incredibile, direi”. Non si tratta di una protesta contro la guerra di Putin, ma contro gli errori militari che, si sostiene in Russia, hanno come responsabili il governo e il comando maggiore. E’ già caduta la testa di Roman Berdnikov, comandante del Distretto militare occidentale, rimosso dai suoi incarichi ieri, secondo l’intelligence ucraina.

Su Novaja Gazeta Europa si è denunciato il fatto che i soldati russi rischierebbero di rimanere accerchiati. Secondo il giornale, ciò è dovuto a due fattori: “In primo luogo, le forze russe nell’area erano costituite principalmente da unità di polizia della Guardia Nazionale, impreparate al combattimento vero e proprio. Non avevano alcuna esperienza militare e capivano molto poco di cosa stesse succedendo e perché dovessero rischiare la vita. In secondo luogo, lo Stato Maggiore russo o non ha preso sul serio i dati dell’intelligence sul concentramento delle truppe ucraine a Balaklia o semplicemente non aveva abbastanza rinforzi per far fronte all’imminente controffensiva”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Ambasciata italiana a Mosca: “Italiani valutino se lasciare Russia”
Esteri / Germania: via al tetto al prezzo dell'energia, prevista spesa di 200 miliardi
Esteri / Donne in piazza: in Iran scoppia la rivoluzione del velo
Ti potrebbe interessare
Esteri / Ambasciata italiana a Mosca: “Italiani valutino se lasciare Russia”
Esteri / Germania: via al tetto al prezzo dell'energia, prevista spesa di 200 miliardi
Esteri / Donne in piazza: in Iran scoppia la rivoluzione del velo
Esteri / L’uragano Ian lascia al buio Cuba e devasta la Florida: più di due milioni di persone senza corrente elettrica
Esteri / Gasdotto Nord Stream, scoperta quarta falla. Svezia: “Quarta falla causata da esplosione”
Esteri / Il principe George avverte il compagno di classe: “Stai attento, mio padre sarà Re”
Esteri / Biden sulle elezioni in Italia: "Non c’è da essere ottimisti"
Esteri / Arabia Saudita: Mohammed bin Salman rimpiazza il padre e diventa Primo Ministro
Esteri / L’ambasciata Usa a Mosca ha chiesto ai cittadini americani di lasciare subito la Russia
Esteri / Minaccia nucleare, bando urgente di Mosca per l’acquisto di ioduro di potassio