Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:57
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Concerto con 5000 persone a Barcellona: i partecipanti erano stati sottoposti a un test antigenico

Immagine di copertina
Credit: Twitter/Palau Sant Jordi

A vederle sembrano immagini di un’epoca passata. Cinquemila persone hanno partecipato ad un concerto a Barcellona, assembrati a cantare e ballare sotto un palco. Come è stato possibile? Tutti sono stati prima sottoposti ad un test antigenico Covid e indossavano la mascherina. L’esperimento è andato in scena a Barcellona, dove la band Love of Lesbian ha suonato al Palau de Sant Jordi. Si tratta, come sottolineano gli organizzatori del concerto, del primo evento commerciale di queste dimensioni a tenersi in Europa durante la pandemia. “Dopo più di un anno senza vederci, abbiamo una voglia infinita di risalire sul palco”, dicevano nei giorni scorsi i Love of Lesbian.

Un esperimento riuscito e che ovviamente alimenta le speranze degli organizzatori di eventi del genere, affinché possano tornare ad essere una realtà già dalla prossima estate. Un evento simile si era già sperimentato a dicembre, ma allora per un concerto di 500 persone. Un team medico ha supervisionato tutta l’operazione, secondo quanto riferisce La Vanguardia, e il concerto si è tenuto senza incidenti significativi. Inoltre a persone con disfunzioni cardiache, cancro e a coloro che sono stati in contatto con qualcuno infettato dal coronavirus nelle ultime settimane è stato chiesto di non partecipare.

Chi ha preso parte al concerto ha potuto scegliere fra tre luoghi in cui fare il test rapido. Chi è risultato negativo al test ha ricevuto un codice sul cellulare che ha reso valido il biglietto per potere accedere. I biglietti, di prezzo compreso fra 23 e 28 euro, includevano il costo del test e di mascherine di alta qualità, il cui uso era obbligatorio ovunque tranne nelle aree progettate per mangiare e bere. Il Sant Jordi è stato quindi trasformato in una super bolla di 5mila persone. Dai test antigienici è emerso che solo 6 dei 5.000 spettatori sono risultati positivi al Covid e quindi non hanno potuto partecipare, mentre tutti gli altri hanno potuto vivere l’esperienza del concerto live senza mantenere il distanziamento.

Leggi anche: Nuova Zelanda, spettatori ammassati e senza mascherina per “il più grande concerto live da inizio pandemia”

Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan
Esteri / Usa: marito e moglie No vax muoiono di Covid, dicevano che il vaccino è “un attacco ai diritti umani”
Esteri / Usa, il video shock degli agenti che frustano migranti al confine con il Messico
Esteri / La donna che sfida i talebani: “Mentre tutti scappano dall’Afghanistan, io ho scelto di rimanere per lottare”
Esteri / Russia, sparatoria all’università di Perm: gli studenti scappano dalle finestre. 8 morti
Esteri / Vince il partito di Putin. Timori su possibili brogli