Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 00:02
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Almeno 56 civili sono morti in un raid aereo nel nord della Siria

Immagine di copertina

Secondo l'Osservatorio per i diritti umani con sede in Gran Bretagna, l'attacco nei pressi di Manbij sarebbe stato condotto dall'aviazione statunitense

Almeno 56 civili sono stati uccisi in un attacco aereo nei pressi di Manbij nel nord della Siria. Secondo l’Osservatorio per i diritti umani con sede in Gran Bretagna, l’attacco sarebbe stato condotto dall’aviazione statunitense. Tra le vittime ci sarebbero 11 bambini. Altre decine di persone sono rimaste ferite. 

La Syria Democratic Forces, un’alleanza di combattenti curdi e arabi sostenuta dagli Stati Uniti, aveva lanciato un’offensiva alla fine di maggio per riconquistare i territori di Manbij sotto il controllo del sedicente Stato islamico al confine con la Turchia.

Ieri, 18 luglio, altri 21 civili erano rimasti uccisi in un raid nella stessa città, nel quartiere di Hazawneh.

Secondo l’Osservatorio almeno 104 civili sarebbero morti negli attacchi aerei dall’inizio dell’offensiva di Manbij.

Il colonnello Chris Garver, un portavoce della coalizione statunitense contro lo Stato islamico in Siria e in Iraq, ha detto che ha esaminato i rapporti sulle morti di civili, ma ha sottolineato come le forze statunitensi siano state “straordinariamente attente ad assicurarsi che gli attacchi aerei fossero condotti soltanto contro i combattenti dell’Isis”. 

L’Alto Commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite, Zeid Ra’ad Al Hussein, ha recentemente espresso preoccupazione per i circa 70.000 civili che si ritiene siano bloccati tra i gruppi che combattono a Manbij.

“La città è rimasta senza elettricità né acqua e le strutture mediche non sono operative”, ha detto Zeid Ra’ad Al Hussein. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Ti potrebbe interessare
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”