Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:46
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Secondo la Cia la Russia è intervenuta per favorire l’elezione di Trump

Immagine di copertina

Immediata la replica del presidente eletto: le accuse arrivano da chi sosteneva che Saddam aveva armi di distruzione di massa

La Cia ha concluso in un rapporto segreto che la Russia è intervenuta nelle elezioni negli Stati Uniti per aiutare Donald Trump a vincere la presidenza.

A riportare la notizia sabato 10 dicembre è il Washington Post, citando fonti informate sulla vicenda. Gli 007 americani hanno individuato attori legati al governo russo che hanno fornito a Wikileaks migliaia di email hackerate ai danni del partito democratico e di altre organizzazioni, compreso il presidente della campagna di Hillary Clinton John Podesta.

Le fonti del Washington Post descrivono gli individui legati al governo russo come attori noti alla comunità dell’intelligence che avrebbero fatto parte di una più vasta operazione che aveva lo scopo di favorire Trump e minare le possibilità della sua rivale Hillary Clinton.

“È opinione della comunità di intelligence che l’obiettivo della Russia fosse favorire un candidato rispetto ad un altro, aiutare Trump ad essere eletto”, ha confidato un alto dirigente statunitense informato sulla presentazione dell’esito degli accertamenti fatta ad alcuni senatori americani.

Il team di transizione di Donald Trump ha respinto le accuse contenute in un rapporto della Cia rivelato dal Washington Post. Della Cia, si afferma in una nota rilasciata “fanno parte le stesse persone che dicevano che Saddam Hussein aveva armi di distruzione di massa”.

“Le elezioni si sono concluse molto tempo fa è ora di guardare avanti e ‘Rifare grande l’America’”, conclude la nota citando il motto della campagna elettorale”.

Veneril 9 dicembre il presidente Barack Obama aveva disposto una verifica “completa” circa le presunte attività di hackeraggio e intrusioni legate alle elezioni presidenziali americane, chiedendo un rapporto esaustivo prima che lasci la Casa Bianca il prossimo 20 gennaio.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La guerra della pesca: cosa sta succedendo nella Manica tra Francia e Regno Unito
Esteri / Donna scomparsa ritrovata in un canyon: è sopravvissuta 5 mesi mangiando erba e muschio
Esteri / L’ascesa della lady di ferro di Madrid che ha stravinto le elezioni tenendo aperti i ristoranti
Ti potrebbe interessare
Esteri / La guerra della pesca: cosa sta succedendo nella Manica tra Francia e Regno Unito
Esteri / Donna scomparsa ritrovata in un canyon: è sopravvissuta 5 mesi mangiando erba e muschio
Esteri / L’ascesa della lady di ferro di Madrid che ha stravinto le elezioni tenendo aperti i ristoranti
Esteri / Usa, giustiziato per omicidio: 4 anni dopo test scoprono DNA di un altro
Esteri / Francia e Regno Unito inviano navi da guerra nella Manica: alta tensione sulla pesca
Esteri / Un agricoltore ha spostato per sbaglio il confine tra Francia e Belgio
Esteri / Biden annuncia lo stop ai brevetti sui vaccini: "Tempi straordinari richiedono misure straordinarie"
Esteri / Facebook conferma il bando di Trump. Il tycoon sfida il social e lancia la sua piattaforma: “La pagheranno”
Esteri / Basta camerieri, ok a scienziati e ingegneri: al via la stretta sull’immigrazione del Regno Unito
Esteri / Affari e petrolio: Total finanzia da anni la giunta militare in Myanmar